domenica 25 dicembre 2011

Gli auguri del Papa in 65 lingue. Agli italiani: crescere nella reciproca fiducia per costruire insieme un futuro di speranza, più fraterno e solidale

Alle migliaia di fedeli radunati in un'assolata in Piazza San Pietro e a quanti lo ascoltavano attraverso la radio e la televisione, dopo il Messaggio natalizio "Urbi et Orbi" dalla Loggia centrale della Basilica Vaticana, il Santo Padre Benedetto XVI ha inviato l’augurio natalizio in 65 lingue. "Buon Natale ai romani e agli italiani!", ha detto il Papa in italiano, la prima lingua. "La nascita di Cristo Salvatore e l'accoglienza gioiosa del suo Vangelo di salvezza rinnovino i cuori dei credenti, portino pace nelle famiglie, consolazione ai sofferenti e aiutino gli abitanti dell'intero Paese a crescere nella reciproca fiducia per costruire insieme un futuro di speranza, più fraterno e solidale". Tra le 65 lingue, anche il mongolo, il romanes (dell'etnia rom), l'aramaico, l'hindi, il tamil, il malayalam (India), il bengalese, l'urdu (Pakistan), il maori, il samoano, il guarani, e infine l'esperanto. E per chiudere l’invocazione in latino: “Veni ad salvandum nos”. Infine la Benedizione Urbi et Orbi.

La Repubblica.it, Radio Vaticana

AUGURI DEL SANTO PADRE AI POPOLI E ALLE NAZIONI IN OCCASIONE DEL SANTO NATALE
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001