giovedì 27 settembre 2012

La Santa Sede aderisce alla Convenzione Onu sulla prevenzione e la repressione dei reati contro le persone che godono di protezione internazionale, compresi i diplomatici

Nel pomeriggio di ieri, 26 settembre, la Santa Sede ha aderito alla Convenzione Onu sulla prevenzione e la repressione dei reati contro le persone che godono di protezione internazionale, compresi i diplomatici. Mons. Dominique Mamberti, segretario per i Rapporti con gli Stati, ne ha depositato presso il segretario generale delle Nazioni Unite lo strumento di adesione. “Aderendo alla Convenzione - si legge nelle tre Declarations allegate con una Reservation allo strumento di adesione -, la Santa Sede intende contribuire e offrire il proprio sostegno morale all’impegno globale per la prevenzione, repressione e contrasto” di questi reati. “La protezione e il rafforzamento” dei valori di “fratellanza, giustizia e pace tra le persone e i popoli”, si legge nel documento, “richiedono il primato dello stato di diritto e il rispetto dei diritti umani”. Con l’adesione alla Convenzione, la Santa Sede riafferma che “gli strumenti internazionali di cooperazione penale e giudiziaria costituiscono un’effettiva garanzia di fronte alle attività criminali che minacciano la pace e la dignità dell’uomo”. L’iniziativa, conclude una nota vaticana, è “in linea e nel solco del processo, che, come è noto, è stato da tempo avviato per adeguare l’ordinamento giuridico vaticano ai più alti standard internazionali intesi a contrastare” il terrorismo.

SIR

ADESIONE DELLA SANTA SEDE ALLA CONVENZIONE DELL’O.N.U. SULLA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DEI REATI CONTRO I DIPLOMATICI
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001