mercoledì 31 ottobre 2012

Sinodo dei vescovi 2012. Mons. Ambrosio: ritrovare nel contesto plurale la propria identità e dialogare alla pari con le altre espressioni culturali, sapendo di poter offrire molto e molto ricevere da altri continenti, culture, tradizioni

“Il recupero della tradizione cristiana e della visione umanistica ci consentono di fare un passo avanti e accogliere la sfida”. È il pensiero di mons. Gianni Ambrosio, vescovo di Piacenza-Bobbio e vicepresidente della Commissione degli episcopati della Comunità europea), che a SIR Europa riflette sul Messaggio al popolo di Dio del Sinodo dei vescovi, laddove si rivolge alle Chiese europee invitandole a cogliere “le difficoltà del presente” come “una sfida da superare e un’occasione per un annuncio più gioioso e più vivo di Cristo e del suo Vangelo di vita”. “È in gioco l’umano - annota mons. Ambrosio - e siamo posti di fronte a un bivio: da una parte c’è l’uomo, con la sua dignità e la visione trascendente della vita; dall’altra il continuare a tenere gli occhi chiusi, senza alcun orizzonte, rimpicciolendo l’uomo fino a renderlo una piccola rotella di un ingranaggio senza senso. Ecco - prosegue -, ritengo che i Padri conciliari abbiano voluto rivolgere un invito pressante a recuperare i valori dell’umano per un futuro di bene e di speranza”. Il vicepresidente della Comece fa quindi riferimento alle radici cristiane, da riscoprire per “ritrovare nel contesto plurale la propria identità e dialogare alla pari con le altre espressioni culturali, sapendo di poter offrire molto e molto ricevere da altri continenti, culture, tradizioni”.

SIR

Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001