lunedì 24 dicembre 2012

Natale 2012. Il Magistero del Papa: Dio si è incamminato verso di noi. Da soli non potremmo giungere fino a Lui. La via supera le nostre forze. Ma Dio è disceso. Egli ci viene incontro, ha percorso la parte più lunga del cammino

Se non cerchiamo Cristo, non lo troveremo. Se non lo desideriamo, non lo incontreremo. Così ha detto ieri mattina Benedetto XVI, nell’ultimo Angelus prima del Natale. E questa sera, alle 22.00, il Papa sarà nella Basilica di San Pietro per presiedere la Messa solenne della Natività. Sul significato dell’attesa di Gesù, il magistero del Pontefice si è arricchito negli anni di espressioni di grande densità spirituale. Il Natale non è un paese per balocchi, la festa in cui officiare il rito di panettoni più o meno cinematografici, esibire gastronomie tradizionali o innovative. Tutto questo, pur ridimensionato dai morsi della crisi, si è accumulato come una lenta frana davanti all’ingresso di quella Grotta illuminata da una stella, fino a offuscare, e in molti casi a ostruire del tutto, l’unica, vera “prima visione” della storia, quella del Bambino venuto a portare il solo dono che veramente conta, la pace agli uomini di buona volontà. Se dunque i cristiani per primi, ha osservato anni fa il Papa, non recuperano gli occhi dei pastori e il loro stupore semplice davanti alla mangiatoia, il Natale ontinuerà a essere per tanti un bene di consumo e non il Bene sommo.
"Se non si riconosce che Dio si è fatto uomo, che senso ha festeggiare il Natale? Si svuota tutto. Dobbiamo innanzitutto noi cristiani riaffermare con convinzione profonda e sentita la verità del Natale di Cristo per testimoniare di fronte a tutti la consapevolezza di un dono inaudito che è ricchezza non solo per noi, ma per tutti” (19 dicembre 2007).
Benedetto XVI non fa sconti. Un po’ come tanta paccottiglia che in questi giorni passa spesso di mano imbellita da grosse coccarde colorate, si fa strada nel mondo, ha affermato il Pontefice con vari accenti, la propaganda di coloro che offrono una “salvezza a basso prezzo”. Ma ce n’è un’altra conquistata a prezzo ben più alto, iniziata in una notte di Betlemme e che da quella notte ha bisogno dell’eco di cuori disponibili.
Nascendo fra noi, Gesù Bambino non ci trovi distratti o impegnati semplicemente ad abbellire con le luminarie le nostre case. Allestiamo piuttosto nel nostro animo e nelle nostre famiglie una degna dimora dove Egli si senta accolto con fede e amore” (20 dicembre 2006).
Fede e amore, queste sono le “coperte” di cui ha bisogno Gesù Bambino. Coperte sotto le quali offrire riparo a quei tanti convinti, per vari motivi, che questa notte per loro non nascerà nessuno: “Le difficoltà, le incertezze e la stessa crisi economica che in questi mesi stanno vivendo tantissime famiglie, e che tocca l’intera umanità, possono essere uno stimolo a riscoprire il calore della semplicità, dell’amicizia e della solidarietà, valori tipici del Natale. Spogliato delle incrostazioni consumistiche e materialistiche, il Natale può diventare così un’occasione per accogliere, come regalo personale, il messaggio di speranza che promana dal mistero della nascita di Cristo” (17 dicembre 2008).
Molte volte, ha affermato Benedetto XVI, qualche uomo ha cercato di diventare dio per covare personali disegni di gloria. L’unica certezza è che invece un giorno Dio è diventato uomo, nella gloria di una stalla. E che il suo è un disegno d’amore per tutti: “Sì, Dio si è incamminato verso di noi. Da soli non potremmo giungere fino a Lui. La via supera le nostre forze. Ma Dio è disceso. Egli ci viene incontro. Egli ha percorso la parte più lunga del cammino. Ora ci chiede: Venite e vedete quanto vi amo. Venite e vedete che io sono qui” (24 dicembre 2009).
 
Radio Vaticana
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001