lunedì 26 dicembre 2011

Il Papa: la vera imitazione di Cristo è l'amore. Come nell’antichità anche oggi la sincera adesione al Vangelo può richiedere il sacrificio della vita

A mezzogiorno, il Santo Padre Benedetto XVI si è affacciato alla finestra del suo studio nel Palazzo Apostolico Vaticano per recitare l’Angelus con i fedeli ed i pellegrini convenuti in Piazza San Pietro. Il Papa ha ricordato che oggi si celebra la festa di Santo Stefano, diacono e primo martire della Chiesa. “Lo storico Eusebio di Cesarea lo definisce il ‘martire perfetto’ - ha rammentato Benedetto XVI -, perché è scritto negli Atti degli Apostoli: ‘Stefano, pieno di grazia e di potenza, faceva grandi prodigi e segni tra il popolo’. San Gregorio di Nissa commenta: ‘Era un uomo onesto e pieno di Spirito Santo: con la bontà dell’animo adempiva l’incarico di nutrire i poveri e con la libertà della parola e la forza dello Spirito Santo chiudeva la bocca ai nemici della verità’”. “Uomo di preghiera ed evangelizzatore – ha proseguito il Papa -, Stefano, il cui nome significa ‘corona’, ha ricevuto da Dio il dono del martirio”. Infatti egli “pieno di Spirito Santo … vide la gloria di Dio”. Mentre veniva lapidato pregava: “Signore Gesù, accogli il mio spirito”. Poi, caduto in ginocchio, supplicava il perdono per gli accusatori: “Signore, non imputare loro questo peccato”. Per questo, ha chiarito il Pontefice, “la Chiesa orientale canta negli inni: ‘Le pietre sono diventate per te gradini e scale per la celeste ascesa … e ti sei accostato gioioso alla festosa adunanza degli angeli’”. “Dopo la generazione degli Apostoli – ha sottolineato il Santo Padre -, i martiri acquistano un posto di primo piano nella considerazione della comunità cristiana. Nei tempi di maggiore persecuzione, il loro elogio rinfranca il faticoso cammino dei fedeli e incoraggia chi è in cerca della verità a convertirsi al Signore”. Perciò “la Chiesa, per divina disposizione, venera le reliquie dei martiri e li onora con soprannomi quali ‘maestri di virtù’, ‘testimoni viventi’, ‘colonne animate’, ‘silenziosi messaggeri’”. In realtà, ha precisato Benedetto XVI, “la vera imitazione di Cristo è l’amore, che alcuni scrittori cristiani hanno definito il ‘martirio segreto’”. A tale proposito “san Clemente di Alessandria scrive: ‘Coloro che mettono in pratica i comandamenti del Signore gli rendono testimonianza in ogni azione, poiché fanno ciò che Egli vuole e fedelmente invocano il nome del Signore’”. “Come nell’antichità – ha sostenuto il Papa - anche oggi la sincera adesione al Vangelo può richiedere il sacrificio della vita e molti cristiani in varie parti del mondo sono esposti a persecuzione e talvolta al martirio. Ma, ci ricorda il Signore, ‘chi avrà perseverato sino alla fine sarà salvato’”. Poi il Pontefice ha rivolto a “Maria Santissima, Regina dei Martiri” la nostra supplica “per custodire integra la volontà di bene, soprattutto verso coloro che ci avversano. In particolare affidiamo oggi alla misericordia divina i diaconi della Chiesa, affinché, illuminati dall’esempio di Santo Stefano, collaborino, secondo la missione loro propria, all’impegno di evangelizzazione”.

SIR

LE PAROLE DEL PAPA ALLA RECITA DELL’ANGELUS

Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001