domenica 7 ottobre 2012

Card. Amato: il grande amore del Papa per Santa Ildegarda di Bingen. Con lei alle tante donne accademicamente formate in teologia un modello e uno stimolo per il loro impegno scientifico e pastorale

Nella sua dottrina Ildegarda di Bingen (foto), la Santa benedettina tedesca proclamata questa mattina Dottore della Chiesa da Papa Benedetto XVI, afferma "la sostanziale uguaglianza" degli uomini e delle donne davanti a Dio rileggendo la creazione di Eva dalla costola di Adamo "in riferimento al fatto che la donna venne data all'uomo come socia: 'in consortium dilectionis, socia'". Lo ha ricordato il card. Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, in un'intervista a L'Osservatore Romano, nella quale è sottolineato il grande amore del Pontefice tedesco per questa sua connazionale dell'XI secolo, per la quale da arcivescovo di Monaco firmò nel 1979 la petizione per l'atto che finalmente si è compiuto oggi. La sua riscoperta, "può incentivare spiritualmente la teologia contemporanea; con Ildegarda si darebbero alle tante donne accademicamente formate in teologia un modello e uno stimolo per il loro impegno scientifico e pastorale". Infatti, "diversamente dagli autori del tempo, che vedevano nel peccato originale l'estrema fragilità femminile, per Ildegarda - ha rilevato Amato nell'intervista - fu l'ardente amore di Adamo per Eva a dare occasione al demonio di tentare Eva per prima". Per Ildegarda, inoltre, ha concluso il capo dicastero, "l'essere umano è visto come unità corpo-anima con l'apprezzamento positivo della corporeità in ordine al merito. Che il corpo non sia stato concesso all'uomo solo come peso, lo dimostra - nella sua lettura - il fatto che le anime dei Santi desiderano ardentemente la riunificazione con il loro corpo mortale. Di conseguenza il compimento escatologico significa una trasformazione e una risurrezione del corpo per la vita eterna".

Agi
 
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001