domenica 13 gennaio 2013

Benedetto XVI: i migranti sono portatori di fede e di speranza nel mondo. Chi lascia la propria terra lo fa perché spera in un futuro migliore, ma lo fa anche perché si fida di Dio che guida i passi dell’uomo

Dopo l’Angelus il Pontefice ha ricordato che oggi si celebra la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato. “Nel Messaggio di quest’anno – ha detto - ho paragonato le migrazioni ad un ‘pellegrinaggio di fede e di speranza’. Chi lascia la propria terra lo fa perché spera in un futuro migliore, ma lo fa anche perché si fida di Dio che guida i passi dell’uomo, come Abramo”. E così, per il Santo Padre, “i migranti sono portatori di fede e di speranza nel mondo. A ciascuno di loro rivolgo oggi il mio saluto, con una speciale preghiera e benedizione”. Ha rivolto, poi, un saluto in particolare alle “comunità cattoliche di migranti presenti a Roma” e le ha affidate “alla protezione di santa Cabrini e del beato Scalabrini”. Nei saluti in lingua francese, Benedetto XVI ha espresso poi l'auspicio che "ovunque" i migranti possano essere "accolti e aiutati, affinchè ognuno di loro e ogni loro famiglia abbia una esistenza degna".

SIR, TMNews
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001