domenica 13 gennaio 2013

René Bruelhart: sorpresa dall'Autorità d'informazione finanziaria della Santa Sede per il blocco transazioni che ha colpito il Vaticano. Il 2012 anno di verifica e adeguamento a norme internazionali

Sorpresa dall'Autorità d'informazione finanziaria della Santa Sede per il blocco transazioni che ha colpito il Vaticano: è stata espressa, in un’intervista al Corriere della Sera dal direttore René Bruelhart che spiega che il 2012 è stato l’anno della verifica e dell’adeguamento a norme internazionali. Una reazione di sorpresa alle misure adottate dalla Banca d’Italia che ha bloccato tutti i bancomat e le carte di credito della Deutsche Bank in Vaticano, escludendo, di fatto, lo Stato da tutto il circuito dei pagamenti elettronici e delle carte di credito è stata espressa dal responsabile dell'Aif. La motivazione sostenuta da Bankitalia è l’assenza di prove dell’esistenza di un effettivo regime antiriciclaggio nello Stato della Città del Vaticano, alla quale Bruelhart risponde ricordando che la Santa Sede ha superato a luglio il terzo round di valutazione del Comitato Moneyval del Consiglio d’Europa con 9 raccomandazioni superate su 16 e non è stata, quindi, sottoposta ad alcuna procedura o misura speciale di monitoraggio antiriciclaggio né da parte di Moneyval né da parte di altri organismi internazionali: Il 2012 è stato l’anno della verifica e dell’adeguamento della legislazione vaticana alla normativa internazionale e comunitaria in materia di riciclaggio e finanziamento del terrorismo e “il risultato – ha detto ancora il responsabile dell’Aif – è che l’assemblea plenaria di Moneyval la ha approvata in tutte le sue parti, reputando soddisfacente e credibile il percorso di adeguamento agli standard internazionali”. Una giurisdizione, infatti, viene sottoposta a monitoraggio qualora riceva almeno 10 votazioni insufficienti su 16 raccomandazioni cruciali, mentre la Santa Sede, come detto, ne ha ricevute 9 positive. La Santa Sede, comunque, - conclude Bruelhart – adotterà, nei prossimi mesi, ulteriori misure perché il contrasto al riciclaggio è sempre in progress”.

Radio Vaticana
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001