giovedì 22 dicembre 2011

Natale 2011. Il vecchio Presepe di casa Ratzinger nell'appartamento papale. Per Benedetto la festa è soprattutto meditare davanti a esso

Ci sono almeno due Presepi a casa del Papa. Quello che ogni anno viene preparato dalla Floreria che fa da sfondo al corridoio della parte privata dell’Appartamento e quello che decora la sala da pranzo. E’ il vecchio Presepe di casa Ratzinger che i fratelli Joseph e Georg costruivano insieme con l’aiuto della mamma fin dagli anni ’30. Attorno a quel Presepe ancora oggi il Natale del Papa si celebra come in ogni famiglia. Dopo la Messa e la Benedizione Urbi et Orbi c’è il pranzo festoso con specialità italiane e bavaresi e qualche dolce donato dalla Guardia Svizzera. Benedetto XVI ama soprattutto i dolci. Preparano le quattro Memores che curano la casa del Papa. Con loro i due segretari, don Georg e il maltese don Alfred e qualche ospite. Il fratello del Papa Georg, accompagnato dalla fedele suor Christine, in genere arriva a Roma dopo Natale e rimane in Vaticano fino al suo compleanno il 15 gennaio. Dopo pranzo si chiacchiera e si ascolta la musica, si ricorda. Il Natale per il Papa è soprattutto meditare davanti al Presepe. Come quello dell’Associazione dei Santi Pietro e Paolo dove va privatamente fin da quando era cardinale, o quello allestito dai Sediari nella saletta a fianco della Sala Clementina. Il 22 dicembre il Papa, i cardinali, i vescovi e i laici della Curia si scambiano gli auguri di Natale. Un’occasione per il Papa di fare il punto sulla situazione della Chiesa durante l’anno che si chiude. E a fare da sfondo c’è sempre un artistico Presepe napoletano del ‘700.

Angela Ambrogetti, Il Portone di Bronzo
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001