martedì 17 gennaio 2012

'AsiaNews' lancia un appello per la liberazione di tre vescovi e sei sacerdoti in Cina nelle mani della polizia o detenuti ai lavori forzati

La liberazione di tre vescovi e di sei sacerdoti che in Cina sono nelle mani della polizia o detenuti in prigione senza alcun processo è stata chiesta da AsiaNews, l'agenzia del Pontificio Istituto Missioni Estere, in una lettera-appello indirizzata al presidente Hu Jintao e all'ambasciatore cinese in Italia, Ding Wei. "La loro liberazione - afferma AsiaNews - potrebbe essere un gesto di amicizia e di auspicio verso i cattolici e gli attivisti per i diritti umani, come pure un segno di vero augurio per l'imminente nuovo anno cinese, il cui inizio è sempre festeggiato consolidando i rapporti familiari e di amicizia che rendono ancora più positivo lo sguardo verso il futuro". Per questo, spiega la lettera, "domandiamo che i tre vescovi e i sei sacerdoti possano essere ricondotti alle loro famiglie e alle loro comunità. Essi non sono mai stati accusati di nessun crimine, nè hanno subito alcun processo o condanna. Eppure si trovano ai lavori forzati o sequestrati dalle forze di polizia di un Paese che è membro del Consiglio di sicurezza dell'Onu e che ha firmato la Carta universale dei diritti umani". All'ambasciatore cinese in Italia, che "nei giorni scorsi in modo ammirevole si è prestato con puntuale solerzia e cura nel servizio alla comunità cinese in Italia, dopo il tragico evento della barbara uccisione di Zhou Zheng e della piccola Joy", AsiaNews chiede di utilizzare la stessa "solerzia e cura verso i vescovi e i sacerdoti scomparsi e imprigionati ingiustamente, anch'essi suoi connazionali e nostri fratelli". "La Cina dovrebbe liberare i vescovi e i sacerdoti arrestati perchè farebbe del bene anche all’immagine internazionale della Cina" ha commentato mons. Savio Hon Tai-fai, segretario della Congregazione dell’Evangelizzazione dei Popoli, sottolineando che anche se il governo non dà risposte nè alla Santa Sede, nè ai diplomatici, nè ad amici del Vaticano e della Cina, è importante che "nessuno li dimentichi". Mons. Hon, cinese di Hong Kong, ha detto di essere "fiero della loro testimonianza. Io sono cinese e vedere questa testimonianza di fratelli miei vescovi mi riempie di gioia e di conforto". "Questi martiri - ha aggiunto - rendono feconda la nostra evangelizzazione. Queste figure rimangono sempre come modelli di eroismo davanti a tutti i fedeli nel mondo".

Agi, Vatican Insider

Appello: vescovi e sacerdoti scomparsi o detenuti in prigione, a casa per il Capodanno cinese

Mons. Savio Hon: Libertà per i vescovi e i sacerdoti arrestati, fa bene anche alla Cina
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001