martedì 17 gennaio 2012

La Santa Sede sta esaminando la risposta vera e propria del superiore della Fraternità San Pio X al preambolo dottrinale, arrivata la settimana scorsa

La risposta vera e propria del superiore della Fraternità San Pio X Bernard Fellay, formulata secondo le richieste della Santa Sede, è arrivata in Vaticano soltanto la settimana scorsa. La prima risposta, giunta Oltretevere lo scorso 21 dicembre, non era stata considerata adeguata da parte delle autorità vaticane, che hanno invitato il responsabile dei lefebvriani di riformularla, considerando quel primo invio più una "documentazione" che una risposta. Il vescovo Fellay ha dunque preparato un secondo testo, più stringato, relativo al preambolo dottrinale che la Congregazione per la Dottrina della Fede gli aveva consegnato lo scorso settembre. Questo secondo testo viene ora attentamente esaminato dai consultori della Commissione Ecclesia Dei che seguono il dossier lefebrviani e ci potrebbero volere del tempo. La prossima settimana si riunisce nel palazzo del Sant’Uffizio la plenaria della Congregazione per la Dottrina della Fede. All’ordine del giorno c’è la possibilità di una comunicazione riguardante i rapporti con la Fraternità San Pio X, ma è difficile che la riunione possa essere decisiva, in quanto la seconda risposta di Fellay, che accetta delle parti del preambolo dottrinale mettendone in discussione altre, richiede tempo per essere esaminata. È probabile che una decisione più precisa sul da farsi venga presa non ora, ma in febbraio, nel corso di una "Feria IV", come vengono definite le congregazioni ordinarie dell’ex Sant’Uffizio. Nel consegnare il preambolo, le autorità vaticane avevano precisato che questo testo non veniva reso pubblico perché non ancora definitivo, cioè passibile di cambiamenti, non sostanziali, o di eventuali integrazioni. Il fatto che la nuova e più adeguata risposta, che è stata considerata nei sacri palazzi "un passo in avanti", abbia bisogno di essere attentamente studiata e approfondita, sta a significare che non è né un "sì" né un "no" definitivo al testo del preambolo. Ma accoglie alcune parti del testo vaticano, esprimendo invece riserve su altre. E soprattutto chiede ulteriori chiarificazioni e integrazioni. I lefebvriani non intendono infatti dare il loro assenso ai testi conciliari che riguardano la collegialità, l’ecumenismo, il dialogo interreligioso e la libertà religiosa perché li ritengono in contrasto con la tradizione. Proprio il concetto di tradizione, "Traditio", e il suo valore, rappresenta il punto nodale del dibattito che ha caratterizzato i colloqui tra la Fraternità e la Santa Sede. I lefebvriani criticano alcuni passaggi conciliari ritenendoli in contrasto con la tradizione della Chiesa. Da cardinale Joseph Ratzinger aveva più volte insistito sulla necessità di non considerare il Concilio come un "superdogma". Da Papa, Benedetto XVI, nell’ormai famoso discorso alla Curia romana del dicembre 2005, ha insistito sulla necessità di interpretare il Vaticano II secondo l’ermeneutica della "riforma" nella "continuità". Il Catechismo della Chiesa Cattolica, di cui nel 2012 si celebra il ventennale con uno speciale Anno della fede, ha già proposto questa chiave interpretativa su alcuni dei punti che i lefebvriani considerano controversi. A scanso di equivoci, i lefebvriani hanno reso noto sul loro sito ufficiale che "a complemento" della risposta inviata a Roma mons. Fellay, ha inviato a uno studio nel quale l'abate Jean-Michel Gleize asserisce che "su quattro punti, gli insegnamenti del Concilio Vaticano II sono evidentemente in contraddizione logica con gli enunciati del magistero tradizionale anteriore": libertà religiosa, ecumenismo, collegialità, ecclesiologia. Il saggio conclude che il Concilio Vaticano II "ha dunque rotto l'unità del magistero" e chiede che "con urgenza sempre più grande" si ponga rimedio alle "gravi deficienze che paralizzano l'esercizio del magistero dall'ultimo Concilio". È ancora prematuro ipotizzare quale sarà lo sbocco finale di questo dialogo che in questa fase procede a distanza e per iscritto. Ma nessuna parola definitiva è ancora stata detta: il Papa vuole fare tutto il possibile per sanare la frattura creatasi con i lefebvriani, e Fellay questo lo sa bene.

Andrea Tornielli, Vatican Insider - TMNews
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001