Lombardi: Simposio secondo le linee indicate dal Papa, ascoltare le vittime, guarigione e riparazione della giustizia, efficaci misure per prevenzione

"Dall'emergenza all'iniziativa coerente e decisa per far progredire la protezione dei minori nella Chiesa, nella società, nel mondo. Questa potrebbe essere in breve una definizione del risultato del Simposio sul tema degli abusi sessuali che si è svolto per tre giorni e mezzo all'Università Gregoriana di Roma con la partecipazione dei rappresentanti di oltre 100 conferenze episcopali, di numerosi ordini religiosi e specialisti". Così il direttore della Sala Stampa della Santa Sede, padre Federico Lombardi, nell'editoriale per il settimanale "Octava Dies" del Centro Televisivo Vaticano. "I massimi responsabili dei principali dicasteri vaticani coinvolti nella tematica - scrive il portavoce vaticano - hanno dato un chiaro sostegno all'evento, che si è mosso secondo le linee indicate ormai da tempo dal Papa: ascoltare le vittime, impegnarsi per la guarigione e la riparazione della giustizia, formulare e mettere in pratica efficaci misure per la prevenzione, per fare della Chiesa un ambiente del tutto sicuro e accogliente per i minori, i giovani e la loro crescita umana e spirituale. E' stata un'esperienza ecclesiale forte e intensa, anche spiritualmente. La provenienza universale dei partecipanti ha dimostrato che la comunità della Chiesa è in cammino per dare un contributo concreto, profondamente radicato nelle diverse realtà locali, al grande compito della protezione dei minori. La realtà della famiglia, delle istituzioni educative e del nuovo mondo di internet, la diffusione della pedopornografia, la formazione dei sacerdoti e degli educatori sono tutte dimensioni che vanno tenute presenti in un approccio complessivo ai problemi. E la secolare esperienza educativa della Chiesa, inserita in tante diverse culture, diventa un banco di prova unico per tradurre i principi comuni essenziali della protezione dei minori in contesti diversi. Continuando con decisione sulla strada intrapresa, in collaborazione con le autorità competenti e con le persone di buona volontà nei diversi Paesi del mondo, la Chiesa cattolica - conclude il gesuita - vuole dare un contributo essenziale per una delle cause più importanti per il futuro dell'umanità: la protezione dei bambini e dei minori".

TMNews

Verso la guarigione e il rinnovamento: editoriale di padre Lombardi

Commenti