venerdì 27 aprile 2012

Il 3 maggio Benedetto XVI all’Università Cattolica del Sacro Cuore. Anelli: il suo insegnamento guida preziosa per vivere più intensamente la missione

Giovedì 3 maggio, alle 11.00, Benedetto XVI farà visita all’Università Cattolica del Sacro Cuore, presso la sede di Roma dell’Ateneo, in occasione del 50° anniversario dell’istituzione della Facoltà di Medicina e Chirurgia “Agostino Gemelli”. L’incontro della comunità universitaria della Cattolica con il Pontefice avrà luogo nel piazzale antistante l’Auditorium del Policlinico Gemelli. Ad accogliere il Papa vi saranno il card. Angelo Scola, presidente dell’Istituto Giuseppe Toniolo di Studi Superiori, e il professore Franco Anelli, prorettore vicario dell’Università Cattolica. È la quinta volta che Benedetto XVI visita la Cattolica e il Policlinico Gemelli dall’inizio del suo Pontificato. Ancora una volta il Santo Padre ci fa dono della Sua presenza e della Sua parola – ha affermato il prorettore Anelli - e l’intera comunità universitaria Gli è profondamente grata per l’attenzione con cui Egli segue la vita del nostro Ateneo. Siamo certi che l’insegnamento che Sua Santità ci vorrà offrire anche in questa speciale occasione sarà guida preziosa per comprendere meglio e vivere più intensamente la missione affidata all’Università dei cattolici italiani”. La visita del Papa ha luogo in coincidenza con la prima Giornata per la Ricerca promossa dalla Facoltà di Medicina e Chirurgia intitolata “Una vita per la Ricerca, la Ricerca per la vita”, che si svolgerà a partire dalla ore 14.30 presso l’Auditorium dell’Ateneo. Nell’ambito della manifestazione, avrà luogo la cerimonia di consegna della prima edizione del Premio Giovanni Paolo II, che quest’anno verrà attribuito a “Telethon” per il suo impegno nella lotta alle malattie genetiche e che sarà ritirato dal presidente Luca Cordero di Montezemolo.

Radio Vaticana, Zenit
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001