venerdì 13 aprile 2012

La Messa secondo il rito del Cammino neocatecumenale che il Papa non vuole. Benedetto XVI ha chiesto a Dottrina della Fede di esaminarla a fondo

Con una lettera autografa al card. William J. Levada, Benedetto XVI ha ordinato alla Congregazione per la Dottrina della Fede di accertare se le Messe dei neocatecumenali sono o no conformi alla dottrina e alla prassi liturgica della Chiesa Cattolica. Una "problematica", questa, che il Papa giudica "di grande urgenza" per tutta la Chiesa. Benedetto XVI è da tempo in allarme per le modalità particolari con cui le comunità del Cammino neocatecumenale celebrano le loro Messe, il sabato sera, in locali separati. A far crescere in lui l'allarme è stata anche la trama ordita alle sue spalle in Curia lo scorso inverno. Era accaduto che il Pontificio Consiglio per i Laici presieduto dal card. Stanislaw Rylko aveva predisposto il testo di un decreto di approvazione globale di tutte le celebrazioni liturgiche ed extraliturgiche del Cammino neocatecumenale, da rendersi pubblico il 20 gennaio in occasione di un previsto incontro del Papa con il Cammino. Il decreto era stato redatto su indicazione della Congregazione per il Culto Divino, presieduta dal card. Antonio Cañizares Llovera. I fondatori e leader del Cammino, Francisco "Kiko" Argüello (nella foto con Benedetto XVI) e Carmen Hernández, ne furono informati e anticiparono festanti ai loro seguaci l'imminente approvazione. Il tutto all'insaputa del Papa. Benedetto XVI venne a conoscenza del testo del decreto pochi giorni prima dell'incontro del 20 gennaio. Lo trovò sconclusionato e sbagliato. Ordinò che fosse cancellato e riscritto secondo le sue indicazioni. Infatti, il 20 gennaio, il decreto che fu promulgato si limitò ad approvare le cerimonie extraliturgiche che scandiscono le tappe catechistiche del Cammino. Il Papa, nel suo discorso, mise in chiaro che solo queste erano convalidate. Mentre a proposito della Messa impartì ai neocatecumenali una vera e propria lezione, quasi un ultimatum, su come celebrarla in piena fedeltà ai libri liturgici e in effettiva comunione con la Chiesa. In quegli stessi giorni Benedetto XVI ricevette in udienza il nuovo arcivescovo di Berlino, Rainer Maria Woelki, uomo di sua fiducia, che di lì a poco avrebbe fatto cardinale. Woelki gli parlò tra l'altro proprio delle difficoltà che i neocatecumenali creavano nella sua diocesi, con le loro messe separate del sabato sera, officiate da una trentina di sacerdoti appartenenti al Cammino. Il Papa chiese a Woelki di fargli avere un appunto scritto sulla materia. Il 31 gennaio Woelki gli inviò una lettera con informazioni più dettagliate. Pochi giorni dopo, l'11 febbraio, il Papa inoltrò copia di questa lettera alla Congregazione per la Dottrina della Fede, assieme alla sua richiesta di esaminare al più presto la questione, che "concerne non soltanto l'arcidiocesi di Berlino". La commissione d'esame presieduta dalla Congregazione per la Dottrina della Fede si sarebbe dovuta avvalere, secondo le indicazioni del Papa, della collaborazione di altri due dicasteri vaticani: la Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, e il Pontificio Consiglio per i Laici. E così è stato. Il 26 marzo, nel Palazzo del Sant'Uffizio, sotto la presidenza del segretario della Congregazione per la Dottrina della Fede, l'arcivescovo Luis Francisco Ladaria Ferrer, gesuita, si sono riuniti per un primo esame della questione i segretari degli altri due dicasteri, per il Culto Divino l'arcivescovo Augustine J. Di Noia, domenicano, e per i Laici il vescovo Josef Clemens, e quattro esperti da loro designati. Un quinto esperto, assente, dom Cassiano Folsom, priore del monastero di San Benedetto a Norcia, inviò per iscritto il suo parere. I giudizi espressi sono stati tutti critici delle Messe dei neocatecumenali. Molto severo è risultato anche quello che la stessa Congregazione per la Dottrina della Fede aveva chiesto, prima della riunione, al teologo e neocardinale Karl J. Becker, gesuita, professore emerito alla Pontificia Università Gregoriana e consultore del dicastero. Il dossier predisposto per la riunione dalla Congregazione per la Dottrina della Fede comprendeva la lettera del Papa dell'11 febbraio, la lettera del card. Woelki al Papa nell'originale tedesco e in versione inglese, il parere del card. Becker e una traccia per la discussione nella quale si metteva esplicitamente in dubbio la conformità alla dottrina e alla prassi liturgica della Chiesa Cattolica dell'art. 13 § 2 dello statuto dei neocatecumenali, quello con cui essi giustificano le loro Messe separate del sabato sera. In realtà, il pericolo temuto da Benedetto XVI e da molti vescovi, come risulta dalle numerose denunce pervenute in Vaticano, è che le modalità particolari con cui le comunità neocatecumenali di tutto il mondo celebrano le loro Messe introducano di fatto nella liturgia latina un nuovo "rito" artificialmente composto dai fondatori del Cammino, estraneo alla tradizione liturgica, carico di ambiguità dottrinali e fattore di divisione nella comunità dei fedeli. Alla commissione da lui voluta, il Papa ha affidato il compito di accertare la fondatezza di questi timori. In vista di decisioni conseguenti. I giudizi elaborati dalla commissione saranno esaminati in una prossima riunione plenaria della Congregazione per la Dottrina della Fede, un mercoledì, una "feria quarta", della seconda metà di aprile.

Sandro Magister, www. chiesa

Per i neocatecumenali la ricreazione è finita. Si torna a scuola
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001