sabato 9 giugno 2012

Il Papa: la Chiesa possa essere libera di parlare e possa offrire servizi per il bene comune in un modo pienamente corrispondente ai valori evangelici

Questa mattina, il Santo Padre Benedetto XVI ha incontrato i vescovi della Conferenza Episcopale di Papua Nuova Guinea e Isole Salomone, ricevuti in questi giorni, in separate udienze, in occasione della Visita "ad Limina Apostolorum". Quando la Chiesa interviene "nel dibattito pubblico, lo fa legittimamente e per contribuire al bene comune, non per proporre delle soluzioni politiche concrete”. E’ uno dei passaggi forti del discorso del Papa, nel quale ha evidenziato che i principi morali indicati dalla Chiesa sono “accessibili a tutti attraverso la ragione e sono necessari per un giusto ordine della società civile”. Per questo, ha aggiunto, incoraggio i vescovi a “continuare il dialogo e a lavorare con le autorità civili in modo che la Chiesa possa essere libera di parlare e possa offrire servizi per il bene comune in un modo pienamente corrispondente ai valori evangelici”. Quindi, ha ribadito quanto sia importante rafforzare l’impegno pastorale in vista dell’evangelizzazione della cultura. Si è cosi soffermato sul ruolo primario che la famiglia deve avere nella Chiesa e nella società. Il Papa ha osservato che, sebbene, nel corso della storia sia stato riconosciuto il ruolo importante della famiglia, va riservata “particolare attenzione” ai frutti religiosi, morali e sociali della fedeltà, dell’equaglianza e del mutuo rispetto che “deve esistere tra un uomo e una donna”. “La Chiesa – ha aggiunto – proclama incessantemente che la famiglia è basata sull’istituzione naturale del matrimonio tra un uomo e una donna”. Nel caso di cristiani, ha poi aggiunto, il patto matrimoniale è stato elevato da Cristo a Sacramento. Dunque, ha invitato i presuli a dare priorità pastorale “all’evangelizzazione del matrimonio e della famiglia in accordo con l’insegnamento morale cattolico”. Il Papa ha dunque dedicato la parte conclusiva del suo discorso alla formazione nella fede di laici, religiosi e sacerdoti: “Un laicato adeguatamente catechizzato – ha detto – e un clero ben formato” saranno meglio preparati “a resistere alle tentazioni del mondo secolare”. Ecco allora, ha affermato, che questi testimoni “aiuteranno ad assicurare che la Chiesa continui ad essere nei vostri Paesi un efficace strumento di evangelizzazione, attraendo quanti non conoscono ancora Cristo e ispirando coloro che sono divenuti tiepidi nella fede.” Dal Papa, infine, l’elogio ai vescovi per il loro impegno in favore dei bisognosi e dei malati, in particolare di quanti soffrono a causa dell’Aids.

Radio Vaticana

Ai presuli della Conferenza Episcopale di Papua Nuova Guinea in Visita "ad Limina Apostolorum" - il testo integrale del discorso del Papa

Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001