sabato 29 settembre 2012

Anno della fede. 'Settimana della piccola via', proposta dei vescovi di Inghilterra e Galles per coinvolgere le scuole, traendo ispirazione dalla testimonianza di fede di Santa Teresa di Lisieux

Piccole azioni e gesti per rendere l'Anno della fede non solo un momento celebrativo ma occasione per improntare la condotta di ogni persona a un vero spirito di rinnovamento spirituale. In vista dell'avvio, l'11 ottobre, dell'iniziativa voluta da Benedetto XVI, i vescovi d'Inghilterra e Galles lanciano una nuova proposta che prevede il coinvolgimento delle scuole. A little way week" è il titolo che fa da sfondo e che trae ispirazione dalla testimonianza di fede di Santa Teresa di Lisieux, morta all'età di ventiquattro anni. "«Santa Teresa di Lisieux - è spiegato in una nota - insegna che un buon metodo per crescere nella santità e per testimoniare l'amore di Dio è fare ogni giorno dei piccoli gesti per Lui e per gli altri". Con l'intento di rafforzare anche i legami all'interno della comunità, in particolare tra le famiglie, le scuole e le parrocchie, la proposta vuole "incoraggiare e invitare ciascuno ad avvicinarsi agli altri con l'amore di Gesù e attraverso la preghiera". La "settimana della piccola via" è promossa congiuntamente, dal 6 al 12 ottobre, da due dipartimenti della Conferenza episcopale, quello per l'educazione e la formazione e per l'evangelizzazione e la catechesi, guidati rispettivamente dal vescovo di Nottingham, Malcolm Patrick McMahon e dal vescovo di Arundel and Brighton, Kieran Thomas Conry. Per mons. McMahon si tratta "di un'opportunità per seguire l'esempio della Santa e intraprendere semplici atti di testimonianza di amore". Teresa di Lisieux, aggiunge, "ci insegna nel seguire la sua 'piccola via' a fare le cose ordinarie della vita con amore straordinario, avendo al centro di essa la fede in Gesù". La "settimana" conclude "contribuisce a fornire l'inizio migliore per la nostra celebrazione dell'Anno della fede nelle nostre scuole e nelle comunità". Gli alunni e tutti gli altri membri delle scuole, ha aggiunto mons. Conry, "potranno quindi partecipare nella testimonianza dell'amore a Dio, imitando Santa Teresa di Lisieux come colei che ha trovato una gioia profonda e duratura e la felicità nel fare piccole cose per Gesù e le persone che la circondavano». Nelle scorse settimane, con un'altra proposta, i vescovi avevano esortato i fedeli a compiere una piccola pausa per riflettere durante la preghiera, allontanandosi per un momento dal seguire i frenetici ritmi della quotidianità. Sempre in vista dell'avvio dell'Anno della fede, l'invito è quello a fare una pausa alle ore 15 di ogni primo venerdì del mese, meditando sul sacrificio di Gesù sulla croce per amore di ciascuno. A presentarla è stato lo stesso vescovo di Arundel and Brighton, mons. Conry. Il presule ha sottolineato come "fermandosi anche solo per alcuni momenti, chiudendo gli occhi e chinando la testa" i fedeli potranno approfondire il loro sentimento di partecipazione all'Anno della fede, un evento che, ha ricordato, "invita i cattolici a riscoprire e a essere più sicuri della fede del proprio battesimo". Una riscoperta che inoltre, puntualizzano i vescovi, deve essere accompagnata da un rinnovato entusiasmo al servizio dell'evangelizzazione. Fra gli atti di testimonianza per un concreto rinnovamento spirituale i presuli indicano da tempo anche il rispetto della regola dell'astinenza dalla carne il venerdì, reintrodotta nel 2011. A tale riguardo, il presidente della Conferenza episcopale d'Inghilterra e Galles, l'arcivescovo di Westminster, Vincent Gerard Nichols, aveva osservato che "la decisione dell'episcopato di reintrodurre questa pratica penitenziale è stata presa proprio in conseguenza del rinnovato spirito di entusiasmo suscitato tra i fedeli dalla visita apostolica del Papa", compiuta nel Regno Unito dal 16 al 19 settembre 2010.

L'Osservatore Romano
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001