venerdì 28 settembre 2012

Presentazione del Premio Ratzinger 2012: il 20 ottobre la consegna del Papa. Premio a coloro che hanno ridato o tentano di ridare speranza, capaci di mettere Dio al centro come primo e più grande investimento per l’uomo

Il Premio Ratzinger 2012, giunto alla seconda edizione, sarà consegnato il prossimo 20 ottobre dal Papa al filosofo e storico francese Rémi Brague e al teologo statunitense Brian Daley. Il Premio è stato presentato stamani nella Sala Stampa della Santa Sede dal card. Camillo Ruini, presidente del comitato scientifico della Fondazione Joseph Ratzinger–Benedetto XVI e da mons. Giuseppe Scotti, presidente della Fondazione. Le parole pronunciate da Benedetto XVI nell’omelia della Pasqua di quest’anno delineano lo scopo della Fondazione vaticana: porre al centro della riflessione la questione di Dio. “Il buio veramente minaccioso per l’uomo – aveva detto il Papa – è il fatto che egli, in verità, è capace di vedere ed indagare le cose tangibili, materiali, ma non vede dove vada il mondo e da dove venga”. Porre agli occhi dell’opinione pubblica la “questione di Dio”, ha detto mons. Giuseppe Scotti, significa smorzare il buio su Dio che minaccia il mondo: “Assegnare il Premio Ratzinger vuol dire assegnare un premio a degli uomini e a delle donne che, con il loro studio e che con il loro lavoro scientifico, hanno ridato o tentano di ridare speranza all’uomo, proprio perché capaci di mettere Dio al centro come il primo e il più grande investimento per l’uomo stesso”. A ricevere il Premio dal Papa, che consiste in una pergamena e in un assegno di 50 mila euro, saranno il prossimo 20 ottobre nella Sala Clementina, in Vaticano, il filosofo e storico francese Rémi Brague e il padre gesuita statunitense Brian E. Daley, teologo e patrologo. Presentando i profili dei due premiati, il card. Ruini ha indicato nella ricerca alimentata dalla Parola l’impegno che anima entrambi: “Rémi Brague è a mio parere un filosofo vero e al contempo un grande storico del pensiero e della cultura, che unisce alla forza speculativa e alla visione storica una fede cristiana e cattolica profonda ed esplicita, senza complessi. Brian E. Daley è un grande storico della teologia patristica, ma anche un uomo impegnato con tutto se stesso nella vita e nella missione della Chiesa, che unisce esemplarmente il rigore scientifico alla passione per il Vangelo”. Nella scelta dei premiati, ha richiamato Ruini, “quest’anno abbiamo coperto aree linguistiche - quella inglese e quella francese - che precedentemente non avevano ricevuto il riconoscimento”, andato lo scorso anno a un italiano (Manlio Simonetti), un tedesco (padre Maximilian Heim) e uno spagnolo (Olegario González de Cardedal). E, per il futuro, “saremo lieti - ha aggiunto il cardinale - se riusciremo a trovare qualche giovane davvero di spicco, una ‘promessa’ da incoraggiare”. La Fondazione Vaticana Joseph Ratzinger–Benedetto XVI mette a disposizione borse di studio per dottorandi in Teologia e ha come finalità, oltre alla premiazione di studiosi che si sono contraddistinti nella ricerca, la promozione della conoscenza e dello studio della teologia. La Fondazione è anche impegnata nell’organizzazione di convegni di alto valore scientifico. Il prossimo, che si terrà dall’8 al 9 novembre a Rio de Janeiro, è incentrato sul tema “Cosa fa sì che l’uomo sia uomo”.

Radio Vaticana, SIR

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DEL PREMIO RATZINGER 2012, PROMOSSO DALLA FONDAZIONE VATICANA JOSEPH RATZINGER – BENEDETTO XVI
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001