giovedì 6 settembre 2012

Due auto della Renault 100% elettriche offerte al Papa. Lombardi: l’attenzione alle problematiche dell’ambiente tema ricorrente nel suo Magistero

Il Papa si potrà spostare su un’auto al 100% elettrica, in contesti come la residenza di Castel Gandolfo o nel Vaticano. Ieri, infatti, proprio nella residenza di Castel Gandolfo la Renault ha consegnato a Benedetto XVI un veicolo di colore bianco realizzato sul modello base della Kangoo Maxi Z.E., con alcune modifiche. Un esemplare gemello di colore blu è stato destinato alla Gendarmeria vaticana. A ricaricare le auto a Castel Gandolfo e in Vaticano, le infrastrutture di ricarica dell’Enel. Un messaggio, dunque, di grande attenzione all’ambiente, è stato messo in risalto nella conferenza stampa di presentazione del progetto, questa mattina, presso la Radio Vaticana. Vi hanno preso parte il direttore della Sala stampa vaticana, padre Federico Lombardi, il presidente della Renault Italia, Jacques Bousquet, e Livio Gallo, direttore della Divisione Infrastrutture e Reti Enel. Al termine dell’Udienza generale, al suo rientro a Castel Gandolfo, ieri Benedetto XVI ha potuto ammirare l’auto bianca, con lo stemma pontificio sulle porte, offertagli dalla Renault. Tra gli altri era presente anche il presidente della Renault, Carlos Ghosn. Al 100% elettrica, si potrà utilizzare in specifici contesti come la residenza estiva di Castel Gandolfo e nella Città del Vaticano. E’ stata realizzata sulla base del Kangoo Maxi Z.E. trasformato rispetto al modello base in collaborazione con il carrozziere Gruau. L’auto è lunga 4,6 metri e larga 1,8; è dotata di un motore elettrico da 44kW e di una batteria con ioni al litio con un’autonomia di 170 Km. Il secondo esemplare gemello è di colore blu, con banda bianca e gialla lungo la fiancata ed è destinata alla Gendarmeria vaticana. I due modelli hanno 4 posti ciascuno, con i due sedili posteriori confortevoli, tetto apribile e vetri laterali posteriori amovibili per avere un’ampia superficie aperta e pedane elettriche a scomparsa per un accesso a bordo confortevole. L’attenzione alla tutela ambientale è un tema ricorrente nel magistero pontificio di Benedetto XVI, ha messo in rilievo, durante la conferenza stampa, padre Lombardi: “E’ abbastanza evidente per noi che seguiamo il Santo Padre e sappiamo come l’attenzione alle problematiche dell’ambiente, alla responsabilità di tutela ambientale, di inserimento amico dell’attività dell’uomo nel contesto del Creato, sia un tema ricorrente del magistero pontificio in generale e anche sempre più frequentemente di Benedetto XVI. Noi sappiamo bene come, per esempio, diversi paragrafi dell’Enciclica 'Caritas in veritate' - che è quella sui temi della responsabilità economica, sociale e anche ambientale - si riferiscono alla responsabilità nei confronti dell’ambiente. Sappiamo che diversi messaggi del Papa per la Giornata Mondiale della Pace del primo gennaio e anche, in particolare, quello del 2010, erano proprio dedicati esattamente alla responsabilità nel confronto della natura”. Si tratta di auto con zero emissioni inquinanti e zero emissioni acustiche. Un progetto, dunque, molto attento all’ambiente, come sottolinea anche Jacques Bousquet: “Renault è particolarmente lieto di avere realizzato questo progetto insieme con i suoi partner Enel e Gruau al servizio del Santo Padre e del Vaticano perché è un progetto simbolo di un impegno comune e difficile per il rispetto dell’ambiente e per lo sviluppo di soluzioni positive per l’ambiente di domani”. Otto le stazioni di ricarica Enel per veicoli elettrici installate nella Città del Vaticano e a Castel Gandolfo. Una delle stazioni davanti all’Aula Paolo VI sarà messa a disposizione anche di dipendenti e visitatori. “Io penso - afferma ai microfoni di Radio Vaticana Livio Gallo, direttore della Divisione Infrastrutture e Reti di Enel - che sia anche di buon auspicio che questo appuntamento avvenga a pochi giorni di distanza dalla Giornata mondiale del Creato, il primo settembre: ogni anno un appuntamento della Chiesa dedicato alla riflessione sul rapporto tra uomo e natura e all’approfondimento di tutte le tematiche complesse del rapporto con l’ambiente. Quindi anche il richiamo della responsabilità che noi come società, tutti noi come cittadini dobbiamo avere nell’affrontare i problemi sociali e le tematiche dello sviluppo sostenibile nel terzo millennio con tecnologie che siano rispettose di quanto ci è stato donato e che dobbiamo trasmettere alle future generazioni. Questo - conclude - è il nostro impegno sulla leva tecnologica che noi abbiamo come 'core competence' nell’attività e nell’obiettivo che ci diamo nello sviluppo della mobilità elettrica”.

Radio Vaticana
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001