mercoledì 7 novembre 2012

Anno della fede. All'Udienza generale 7mila pellegrini dalla Croazia, 5mila dalla Polonia, una delegazione da un municipio di Instanbul e una delegazione dal Vietnam

La nuova evangelizzazione al tempo del secolarismo: ecco il punto centrale dell'Anno della fede in Croazia secondo il card. Josip Bozanić, arcivescovo di Zagabria. Insieme a tutti i vescovi della nazione, il porporato ha accompagnato a Roma settemila pellegrini. "Con questa grande partecipazione all'udienza - dice il cardinale - tutta la Chiesa croata vuole anche ringraziare Benedetto XVI per il dono del viaggio apostolico del 2011". Per l'occasione la catechesi del Papa e stata tradotta anche in lingua croata. Tra i gruppi più numerosi, anche quello dei cinquemila polacchi venuti per i vent'anni di Radio Maryja. Per mons. Andrzej Wojciech Suski, vescovo di Torun, dove ha sede l'emittente, il pellegrinaggio intende rimarcare soprattutto l'inscindibile legame con il Papa e la Sede Apostolica, in particolare all'inizio di questo Anno della fede. La presenza di una delegazione del municipio di Sisli, nella città di Istanbul, segna un nuovo passo avanti nel dialogo con la Turchia. Accompagnati dal vicario apostolico di Istanbul mons. Louis Pelatre, il vice sindaco Vasken Barin, armeno, e l'incaricato per la cultura Sevki Bodur, musulmano, hanno donato a Benedetto XVI un volume, curato da Rinaldo Marmara, portavoce della Conferenza Episcopale turca, e pubblicato dal municipio, sui viaggi in Turchia di Paolo VI, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI. "Sono proprio gli eventi culturali l'unica possibilità che abbiamo per manifestare la presenza cristiana" dice Marmara. "Sisli - spiega Barin - vuole continuare a essere un mosaico di culture e religioni, a vivere in spirito di tolleranza, come testimoniano anche la decisione del sindaco Mustafa Sarigul di intitolare a Papa Roncalli la via dove si trova la nunziatura, ricordandone la missione come delegato apostolico, e l'impegno a sostenere i lavori di restauro delle chiese e del cimitero cristiano". All'Udienza hanno partecipato anche i rappresentanti dellf'ssociazione tedesca Freunde des Vatikanischen Geheimarchivs (Amici dell'Archivio Segreto Vaticano) di Bamberga. A guidarli il presidente Alfred Egid Hierold. Il gruppo, ccolto in Vaticano dal prefetto dell'Archivio, mons. Sergio Pagano, sostiene in particolare, con una donazione annua, il restauro di documenti deteriorati. Significativa, infine, la presenza di una delegazione vietnamita, composta da dodici membri, guidata dal tenente generale Pham Dzung, presidente del comitato governativo per gli Affari Religiosi e vice ministro degli Interni.

L'Osservatore Romano
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001