mercoledì 18 gennaio 2012

Monti: le mani del Papa sono mani forti che sostengono il peso di molti, sono mani che rassicurano, perché a loro volta si lasciano sorreggere

Per il presidente del Consiglio, Mario Monti (foto), l'incontro di sabato scorso con Papa Benedetto XVI è stata ''un'esperienza profonda e indimenticabile''. ''Nella formazione, nell'integrazione, nella responsabilità civile e morale, il contributo della Chiesa è davvero prezioso'', ha aggiunto il premier, in un’intervista concessa alla Radio Vaticana, in coordinamento con L’Osservatore Romano, dopo la visita in Vaticano. Quella di sabato, ''è stata una visita ufficiale e - ha detto Monti - spero, pur emozionato, di aver rappresentato il mio Paese in modo adeguato. Le mani del Papa sono mani forti che sostengono il peso di molti; sono mani che rassicurano, perchè a loro volta si lasciano sorreggere''. Per Monti, ''la fede è un valore, innanzitutto da vivere e da condividere secondo lo stile e la sensibilità propria di ciascuno, dentro un perimetro di libertà comune a tutti. Considero di estrema e immutata attualità - ha concluso - le parole scritte da Joseph Ratzinger nel 1968: 'Tanto il credente quanto l'incredulo, ognuno a suo modo, condividono dubbio e fede. Nessuno può sfuggire completamente al dubbio, ma nemmeno alla fede. E chissà mai che proprio il dubbio non divenga il luogo della comunicazione'''. Il presidente Monti, reputa "elementi propulsivi e critici di fondamentale rilievo" il contributo della Santa Sede e della Conferenza Episcopale italiana. Rispondendo a una domanda sul "rinnovato protagonismo dei cattolici nella vita sociale italiana", il capo del governo ha detto: "Il magistero del Papa e la sua personale, forte testimonianza, il contributo importante della Santa Sede e della Conferenza episcopale italiana sono elementi propulsivi e critici di fondamentale rilievo. Di fronte al bene comune non si può fuggire. Poco dopo la sua elezione, Benedetto XVI usò un'espressione ancora più chiara: 'Non fuggire, per paura, davanti ai lupi'. Penso che anche di fronte alla tempesta così prolungata che stiamo vivendo, dobbiamo coltivare sapientemente, e anche pazientemente, direi, la speranza. Alla crisi, cittadini e Istituzioni non devono rispondere fuggendo come di fronte ai lupi, ma restando saldamente uniti. Con le parole del Santo Padre possiamo dire: 'con i mezzi della nostra ragione dobbiamo trovare le strade'. Il che non significa affatto relegare la fede ad una nicchia di intimistico personalismo: al contrario, significa riaffermarne l'autonomia rispetto alla politica, non renderla - sono parole di Joseph Ratzinger - un 'mero corollario teorico ad una determinata visione del mondo'".

Asca, TMNews

Intervista in esclusiva della Radio Vaticana al presidente del Consiglio Mario Monti
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001