Il Papa: la cura e la guarigione delle vittime di abusi sia una preoccupazione prioritaria, di pari passo con un profondo rinnovamento della Chiesa

La cura e la "guarigione" delle vittime degli abusi compiuti da religiosi su minori sia una "preoccupazione prioritaria per la comunità cristiana" e vada di pari passo con un "profondo rinnovamento della Chiesa a tutti i livelli". Così il Papa nel messaggio al Simposio internazionale apertosi oggi alla Pontificia università Gregoriana a Roma con il significativo titolo "Verso la guarigione e il rinnovamento". Benedetto XVI incoraggia quindi la Chiesa e i suoi leader a "proseguire nel costruire un ampio ventaglio di esperienze per promuovere in tutta la Chiesa una cultura vigorosa di effettiva salvaguardia e supporto alle vittime". Il messaggio, scritto dal segretario di Stato Tarcisio Bertone a nome del Pontefice, è stato letto dal rettore della Gregoriana, Francois Xavier Dumortier, nella sessione d'apertura del simposio. Assicurando "la sua preghiera per questa importante iniziativa", il Papa "chiede al Signore che, attraverso le vostre deliberazioni, molti vescovi e superiori religiosi in tutto il mondo possano essere aiutati a rispondere adeguatamente alla tragedia degli abusi sui minori". "Nostro Signore - prosegue il messaggio - ci ricorda che ogni atto di carità verso anche il più piccolo dei nostra fratelli è un atto di carità verso di lui". In quest'ottica "il Santo Padre sostiene, dunque, e incoraggia ogni sforzo per rispondere con carità evangelica alla sfida di fornire minori e adulti vulnerabili con un ambiente ecclesiale propizio alla loro crescita umana e spirituale".

La Repubblica.it

Messaggio a nome del Santo Padre Benedetto XVI per il Simposio Internazionale "Verso la guarigione e il rinnovamento" [Roma, Pontificia Università Gregoriana, 6-9 febbraio 2012] (30 gennaio 2012)

Commenti