martedì 6 marzo 2012

Il Papa e il primate anglicano insieme per il millenario dell'Eremo di Camaldoli. Priore di San Gregorio al Celio: sia di stimolo per tutti i fedeli

Benedetto XVI visiterà sabato prossimo il Monastero di San Gregorio al Celio, in Roma, in occasione del millenario della fondazione del Sacro Eremo di Camaldoli e in concomitanza della visita dell’arcivescovo di Canterbury, Rowan Williams (foto). Il Papa riceverà in Vaticano il primate della Comunione anglicana la mattina di sabato. Quindi, alle 17.30, presiederà i Primi Vespri a San Gregorio al Celio per la Festa del Transito di San Gregorio Magno. Un grande momento ecumenico nel segno dei Camaldolesi, a mille anni dalla fondazione del Sacro Eremo di Camaldoli da parte di San Romualdo. Con l’incontro tra Benedetto XVI e Rowan Williams, per la terza volta un Papa e un arcivescovo di Canterbury si incontreranno al Celio, nel monastero da cui Gregorio Magno scelse Agostino e i suoi 40 monaci per portare il Vangelo agli Angli. In un comunicato del priore di San Gregorio, si auspica che l’incontro tra il Papa e l’arcivescovo di Canterbury sia di stimolo “per tutti i fedeli, cattolici romani ed anglicani”, affinché visitando le Tombe degli Apostoli, “non dimentichino di rafforzare anche il loro impegno a dimostrare, con lo studio e con la condivisione nella carità, il loro desiderio” di raggiungere la piena unità dei cristiani. Significativamente, alla fine dei Vespri, è previsto che il Papa e l’arcivescovo di Canterbury si rechino nella Cappella di San Gregorio per accendervi una lampada. Si prevede inoltre che venga posta una croce di pietra celtica proveniente proprio da Canterbury e forse anche una icona. Si consolida dunque la lunga tradizione del legame tra la comunione anglicana e il monastero camaldolese romano, ancor più rafforzato dopo il Concilio Vaticano II. Celebrare il Millenario di Camaldoli sul Celio, si legge ancora nel comunicato, significa connotare profondamente la celebrazione stessa con i caratteri dell’ecumenismo”, che “fa parte integrante ormai dello spirito camaldolese contemporaneo”.

Radio Vaticana
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001