Sacerdote irlandese accusato di pedofilia torna al ministero: la denuncia non era motivata. Si era fatto da parte per consentire le indagini

Ritirarsi dal ministero sacerdotale in caso di una denuncia “non vuol dire che ciò che viene indagato è vero o falso. Si tratta di un passo di precauzione necessaria poiché la sicurezza e il benessere dei bambini devono essere la preoccupazione preminente quando un’accusa è fatta. Il ritirarsi comporta un sacrificio personale profondo da parte di una persona innocente”. Lo afferma mons. Dermot Clifford, arcivescovo di Cashel ed Emly, nel comunicare oggi ai fedeli il ritorno al ministero sacerdotale di don Tadgh Furlong che per 36 anni ha servito la parrocchia di Cappawhite. Nel maggio 2010, il sacerdote ha accettato di farsi temporaneamente da parte dall’esercizio del suo ministero per consentire l’indagine su una denuncia a suo carico. È stato così possibile fare un esame approfondito del caso. I risultati dell’indagine sono stati esaminati dal Consiglio consultivo istituito dal Consiglio nazionale per la tutela dei bambini nella Chiesa Cattolica confermando che “la denuncia non era motivata”. L’arcivescovo scrive: “Don Tadgh ha sopportato la prolungata prova con eccezionale coraggio e onore”. Nel ringraziare il sacerdote e quanti lo hanno sostenuto, l’arcivescovo assicura: “L’arcidiocesi di Cashel ed Emly continuerà a sottolineare e incoraggiare una cultura di vigilanza in materia di salvaguardia. Spetta a tutti noi, come individui, come comunità parrocchiali e come società, garantire che le nostre pratiche di protezione dei bambini e dei giovani siano ai più elevati standard”.

SIR

Commenti