lunedì 14 maggio 2012

Il Papa ad Arezzo, La Verna e Sansepolcro. Benedetto: una festa della fede. Un bilancio della visita e quella vana corsa per raggiungere il Santuario

"E' stata una festa della fede", così con poche e semplici parole Benedetto XVI ha commentato la prima parte della visita pastorale ad Arezzo. Le impressioni, i retroscena, le battute e anche i momenti più intimi vissuti dal Santo Padre sono stati ripercorsi da mons. Riccardo Fontana in un incontro con la stampa. "E' stata una giornata molto bella – ha detto il vescovo – ringrazio i giornalisti che con il loro lavoro hanno fatto eco a questo avvenimento. Ieri milioni di italiani lo hanno seguito nelle reti nazionali". Una vera e propria vetrina per Arezzo. "Il Santo Padre – ha raccontato il vescovo - è rimasto incantato di fronte alle sculture del Vangi, poi ha detto che Beato Gregorio X è stato un gran Papa e quindi si è emozionato sentendo cantare i due bambini nella cappella della Madonna del Conforto". Da intenditore di musica, Benedetto XVI ha confessato che durante la Messa, ascoltando i canti intonati dal coro si è "reso conto di trovarsi nella città di Guido d'Arezzo" per come erano stati ben eseguiti. E poi ancora, dopo pranzo una passeggiata nell'orto del vescovado e quindi il saluto agli aretini e alla Giostra dalla finestra. "Quando ha visto musici e sbandieratori ha fatto riferimento alla cultura aretina che affonda le sue radici nel Rinascimento - ricorda Fontana -, e ha invitato i giovani a continuare ad essere all'altezza di questa grande storia". Poi il volo in elicottero fino a Sansepolcro. "Non sono mancati gli imprevisti – racconta Fontana che era a bordo del velivolo. A causa del maltempo, l'elicottero è arrivato fino all'isola Polvese per poi risalire verso la Valtiberina e tentare di arrivare alla Verna da quel versante. Ma non è stato possibile e siamo atterrati a Madonnuccia per poi proseguire la visita a Sansepolcro. Dopo il Papa ha chiesto a me a Betori di andare alla Verna per confermare la sua volontà di fare al più presto la visita". Questo il lato privato della giornata. Quello pubblico è stato fatto dalle 246 parrocchie che hanno risposto all'appello, dai circa 350 giornalisti che hanno ritirato l'accredito e poi si sono mescolati tra i fedeli, dalle 20 processioni che si sono snodate di primissimo mattino lungo i quattro percorsi. E poi dalla visibilità avuta dalla città. "Arezzo – ha commentato il sindaco Giuseppe Fanfani - ha avuto una grande visibilità a livello mondiale. E un grazie per il sereno svolgimento di questa giornata va alle forze dell'ordine che da oltre un mese lavoravano per garantire la sicurezza dell'evento". "Questa giornata - ha concluso il Vescovo - ci ha regalato tre grandi soddisfazioni: la vicinanza tra i vescovi della Toscana, il fatto che Arezzo ne fosse capofila come da tempo non accadeva, e la gioia per la "folla dei semplici" che non ha mancato l'appuntamento. I miei preti sono stati eccezionali. Il primo ringraziamento, questa mattina per e-mail, è andato a loro".

Arezzo Notizie
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001