domenica 24 giugno 2012

'Avvenire': il Papa vuole esser vicino ai suoi figli con la semplicità affettuosa di chi è grande e nel gesto rivela una vicinanza che riscalda cuore

"Pregheranno insieme, il Papa e i terremotati, nei luoghi che mostrano le ferite aperte e il vuoto di un presente amaro. E il gesto generoso sarà come il segno di una ripresa, di una comune volontà di speranza, un invito al coraggio, alla sopportazione tenace e al ricominciamento". Il quotidiano Avvenire presenta così la visita di Benedetto XVI in Emilia. "Una visita breve - scrive Mirella Poggialini, intellettuale e massmediologa cattolica che firma l'editoriale - quella di martedì prossimo: una benedizione e un saluto in cui il Pontefice, nei luoghi della distruzione, ricorderà la presenza di Cristo e inviterà alla fiducia. La testimonianza, fra i ruderi della chiesa crollata in cui un sacerdote si è sacrificato per salvare alla sua gente i segni di una devozione antica, che anche nel dolore più atroce e nell'incertezza più graffiante la solidarietà, che nasce dalla preghiera, illumina e guida, fino all’impossibile". "Carpi e Rovereto e Novi, e ogni altro luogo d'Emilia e di Lombardia devastato dal sisma, saranno testimoni - continua il giornale della CEI - di un abbraccio paterno, di una condivisione totale". "E' lungo un mese", osserva la Poggialini che descrive nel suo editoriale "i giorni che si sono intrecciati fra timore e ansia, dopo i terremoti". "Un mese - spiega - è la misura di un'attesa che si aggrappa alla speranza ma la sente incrinata dalla paura, e avanza il sentimento oscuro e minaccioso di una solitudine crudele". E dunque, conclude, in questa situazione più che mai "la visita del Papa nei luoghi del dolore e del terrore assume il senso di un dono, dono inatteso e perciò tanto più generoso: il Papa padre, che vuole esser vicino ai suoi figli con la semplicità affettuosa di chi è grande e nel gesto rivela una vicinanza che nasce dal cuore e il cuore riscalda".

Agi
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001