Arrestato per pedofilia il parroco portavoce del vescovo di Fano. Mons. Trasarti: sospeso da ogni ministero. Piena solidarietà a chi ha subito l'abuso

Don Giangiacomo Ruggeri, 43 anni, parroco della Chiesa di Santa Maria in Orciano, e portavoce di mons. Armando Trasarti, vescovo di Fano, è stato arrestato con l'accusa di pedofilia. Il portavoce del vescovo è finito al centro di un'inchiesta per presunti abusi su una ragazzina minorenne, coordinata dal procuratore di Pesaro Manfredi Palumbo. Don Ruggeri, originario di Fossombrone, è giornalista pubblicista, e svolge anche l’incarico di direttore dell’Ufficio diocesano per le Comunicazioni sociali. La vittima degli abusi avrebbe solo 13 anni. Don Ruggeri è stato rinchiuso nel carcere di Villa Fastiggi, a Pesaro, in isolamento. Nessun commento sull’indagine da parte del procuratore Manfredi Palumbo, né del questore Italo D’Angelo. ‘’C’è il segreto istruttorio’’ dicono entrambi. Il vescovo ha espresso "sconcerto e dolore per la gravità dell'accaduto" e "piena solidarietà a chi è stato oggetto di abuso". E ha precisato che il suo portavoce è stato sospeso "da ogni ministero pastorale". Il vicario mons. Giuseppe Tintori si limita ad un ‘’non so nulla. Arrivederci...’’. Altri, sacerdoti e laici,sebbene colpiti dalla notizia, provano a difendere il prelato: ‘’Don Giangiacomo è una persona stimata da tutti, ha lavorato tanto per i giovani, è nato nel mondo scout, non può aver fatto una cosa del genere’’ mormora Domenico, un laico che si dà molto da fare in diocesi. Dello stesso tenore le parole di un sacerdote, Antonio: ‘’Non c’era alcun sospetto, non è possibile, non posso credere a una notizia così’’’.

Il Resto del Carlino

Comunicato stampa del vescovo sulla vicenda di don Giangiacomo Ruggeri

Commenti