Il Papa a Frascati. Domani Benedetto XVI nella diocesi di cui è titolare il card. Bertone, il cui vescovo ha collaborato con lui a Dottrina della Fede

La città di Frascati foto) si appresta ad accogliere la visita di Benedetto XVI, che domani alle 9.30 celebra la Messa sul sagrato della cattedrale dedicata a San Pietro. Il Papa partirà in auto dal Palazzo Apostolico di Castel Gandolfo alle 9.00, per giungere dieci minuti dopo in piazza Roma a Frascati. Lì salirà sull’auto scoperta raggiungendo poi Piazza San Pietro, davanti la cattedrale, ove lo accoglieranno il vescovo di Frascati, mons. Raffaello Martinelli e le autorità civili. Dopo i saluti del sindaco e del vescovo, segue un momento di adorazione del Santissimo Sacramento nella cattedrale, nella cui sacrestia il Pontefice indosserà i paramenti liturgici. Alle 11.30, terminata la celebrazione della Messa, il Papa saluta in cattedrale alcuni organizzatori della visita, facendo quindi ritorno in auto a Castel Gandolfo. Diocesi suburbicaria (una di quelle cioè di cui sono titolari i sei cardinali appartenenti all’ordine dei vescovi, nel caso di Frascati il segretario di Stato e camerlengo di Santa Romana Chiesa Tarcisio Bertone), la sua storia è inscindibilmente legata a quella del papato. Fu Giovanni XXIII a stabilire, nel 1962, che i cardinali suburbicari mantenessero il titolo della diocesi, mentre la sua cura pastorale venisse affidata a un vescovo residenziale. "Frascati ha un significato particolare per Benedetto XVI: vescovo ordinario è mons. Raffaello Martinelli che è stato suo collaboratore alla Congregazione per la Dottrina della Fede e vescovo titolare è il card. Bertone, braccio destro del Pontefice - spiega a Vatican Insider Giovanni Maria Vian, direttore de L’Osservatore Romano e storico del cristianesimo -. Com’è sua consuetudine durante il periodo estivo, Joseph Ratzinger trova occasione per esercitare il suo ministero di pastore visitando diocesi come Frascati e Velletri che per tradizione millenaria sono legate al vescovo di Roma". Papa Roncalli fu il primo Pontefice a recarsi a Frascati dopo il Concordato, in una visita strettamente privata che si svolse il 19 maggio 1959. Ma già dalla fine del XVI secolo molti Papi soggiornarono a Frascati: si interessarono dei problemi della città, prodigandosi per abbellirla e dotarla di grandi opere. “Non è senza significato – ricordava Paolo VI giungendo a Frascati il 1° settembre 1963 – il fatto che, dopo Roma, nessuna città ha dato tanti Papi alla Chiesa quanti ne ha dato Frascati. Ciò attesta una vitalità spirituale, politica, sociale, una cultura di altissima risonanza ed estensione, tali da concorrere alle vicende di interi secoli...”. Anche Giovanni Paolo II sarà a Frascati, l’8 settembre del 1980, nella festa della Natività di Maria. Parlando della Madonna, il Papa notò che “la Vergine-Madre riafferma oggi a noi tutti il valore altissimo della maternità, gloria e gioia della donna, ed altresì quello della verginità cristiana, professata ed accolta ‘in vista del Regno dei Cieli’, cioè come una testimonianza, in questo mondo caduco, di quel mondo finale, in cui i salvati saranno ‘come gli angeli di Dio’ ”. Poiché era inoltre prossimo il III centenario della consacrazione della cattedrale, Giovanni Paolo II spronò i presenti a impegnarsi in “una testimonianza di vita cristiana sempre più concreta, costante, generosa”. Rivolgendosi in particolare ai laici, affermò: “Cristo Capo ha bisogno di voi, perché voi siete le sue membra! La Chiesa ha bisogno di voi, perché voi la formate! Non lasciatevi scoraggiare dalle difficoltà, né tanto meno affascinare o intimidire da concezioni o ideologie in contrasto con il messaggio cristiano!”, invitandoli a professare una fede “sempre solida, profonda, schietta, operosa, dinamica”. Frascati è oggi il principale centro urbano dell’area tuscolana dei Castelli Romani, situati nella zona a sud sud-est di Roma, da cui dista circa 20 km. La città è stata scenario di santità (vi hanno operato tra gli altri Giuseppe Calasanzio e Vincenzo Pallotti) e di guerra (durante il secondo conflitto mondiale vi si installò il comando tedesco e subì diversi bombardamenti). La diocesi di Frascati, che ha per patroni i Santi Apostoli Filippo e Giacomo e le cui origini risalgono ai tempi apostolici, i primi a diffondere il vangelo nel territorio tuscolano potrebbero essere stati i Santi Pietro e Paolo, si estende su una superficie di 220 km quadrati (più 18,5 nel territorio comunale di Roma), conta sette comuni e 123.500 abitanti, 24 parrocchie, 27 sacerdoti diocesani e 20 religiosi, 353 suore. “Benedetto XVI viene per confermare e rafforzare la nostra fede” ha osservato in un videomessaggio sul sito della diocesi mons. Martinelli, che con il card. Ratzinger ha collaborato per oltre 23 anni alla Congregazione per la Dottrina della Fede e che proprio Benedetto XVI ha consacrato vescovo in San Pietro il 12 settembre 2009.

Korazym.org, Vatican Insider

Videomessaggio del nostro vescovo

Commenti