sabato 27 ottobre 2012

Lombardi: il messaggio con cui il Sinodo si rivolge alla Chiesa non è affatto una parola sfiduciata ma una parola d'impegno e di speranza fondata sulla fede in Dio, sulla presenza di Cristo risorto e sulla potenza del suo Spirito

La "riflessione" che la Chiesa ha compiuto al Sinodo "sulla necessità di una nuova evangelizzazione è nata certamente da un allontanamento dalla fede e dalle difficoltà dell'annuncio in varie parti del mondo di oggi, ma il messaggio con cui l'Assemblea sinodale, prima di sciogliersi, si rivolge alla Chiesa non è affatto una parola sfiduciata; è piuttosto una parola d'impegno e di speranza fondata sulla fede in Dio, sulla presenza di Cristo risorto e sulla potenza del suo Spirito". Lo afferma il direttore della Sala Stampa vaticana padre Federico Lombardi, nel consueto editoriale per il settimanale "Octava Dies" del Centro Televisivo Vaticano. "Niente pessimismo: globalizzazione, secolarizzazione e nuovi scenari della società, migrazioni, devono essere opportunità di evangelizzazione". "I vescovi e gli altri membri del Sinodo - precisa il gesuita - tornano ora ai luoghi abituali del loro servizio. Lasciano al Papa - che ha fedelmente accompagnato tutti i loro lavori - un ricco contributo da approfondire. Ma lo lasciano anche a tutta la Chiesa, che in quest'Anno della fede si sente ora più animata a trovare le vie, i luoghi, i modi di condividere con tutti il dono della fede: il più bello e il più prezioso che esista".

TMNews
 
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001