Card. Vegliò: la disponibilità del Papa ad accoglierle la gente del circo tutta insieme conferma senza dubbio l’attenzione e la vicinanza della Chiesa a questo mondo così particolare, segno del rispetto e dell’apprezzamento per il valore sociale, culturale e artistico che esso offre all’umanità

"La disponibilità del Papa ad accoglierli così, tutti insieme, un fatto di per sè eccezionale se non addirittura storico, conferma senza dubbio l’attenzione e la vicinanza della Chiesa a questo mondo così particolare. Ed è segno del rispetto e dell’apprezzamento per il valore sociale, culturale e artistico che esso offre all’umanità. D’altra parte, l’incontro con Benedetto XVI è anche occasione per esortare tutte le realtà ecclesiali a ravvivare l’impegno a favore di questa grande famiglia". Lo afferma in un’intervista a L’Osservatore Romano, il card. Antonio Maria Vegliò, presidente del pontificio consiglio per i Migranti e gli Itineranti in vista del pellegrinaggio venerdì a Roma della gente dello spettacolo che sarà ricevuta dal Papa in udienza sabato. Vegliò tocca anche il tema controverso degli animali nei circhi. "Gli animali - afferma - sono tipici del circo classico, nel quale l’esibizione artistica realizzata con l’ausilio degli animali dimostra che l’uomo può stabilire relazioni di intesa e di collaborazione anche loro. Certo ciò presuppone un addestramento che deve senza ombra di dubbio essere svolto nel pieno rispetto dell’animale. In alcuni Paesi le autorità contrastano l’impiego di animali nello spettacolo, anche se il pubblico lo gradisce quando assume i contorni dell’impegno artistico. Vorrei da parte mia incoraggiare i proprietari dei circhi a vigilare sull’adeguato trattamento degli animali e sul mantenimento effettivo del loro benessere".

Vatican Insider

Il card. Vegliò presenta il pellegrinaggio a Roma e l’incontro con il Papa nell’Anno della fede: la grande famiglia dello spettacolo viaggiante

Commenti