venerdì 21 dicembre 2012

Lombardi: Benedetto XVI affronta cose su cui sente il dovere di manifestare il suo pensiero, andando ai fondamenti, con la nettezza e il coraggio che gli sono caratteristici. E' il suo dovere verso la Chiesa e l'umanità, anche se ciò può suscitare resistenze o reazioni negative

Nel discorso odierno alla Curia romana, "sulla famiglia, il Papa non entra nelle discussioni sulla legislazione e sui matrimoni omosessuali, e non riprende neppure le indimenticabili parole di vicinanza alle coppie in difficoltà pronunciate nella veglia di Milano ma riafferma che oggi qui è in gioco la stessa questione su 'chi è l'uomo'". Così il direttore della Sala Stampa della Santa Sede, padre Federico Lombardi, nell'editoriale per il settimanale del Centro Televisivo Vaticano "Octava Dies". Nel discorso il Papa affronta "cose su cui sente il dovere di manifestare il suo pensiero, andando ai fondamenti, con la nettezza e il coraggio che gli sono caratteristici: è il suo dovere verso la Chiesa e l'umanità, anche se ciò può suscitare resistenze o reazioni negative. I temi scelti quest'anno sono due: la famiglia e la dualità dell'uomo e della donna; e il dialogo e l'annuncio della fede". Sulla famiglia, in particolare, "la dualità dell'uomo e della donna è essenziale per l'essere umano. Da essa nascono le relazioni fondamentali fra padre, madre e figli. La dualità è iscritta nella natura della persona, nel disegno di Dio creatore. Negarlo è contrario alla verità, e affermare che è la persona umana stessa a determinare la sua identità è un passo distruttivo, che apre la via alla manipolazione arbitraria della natura, con conseguenze gravissime per la dignità dell'uomo; a cominciare dalla dignità dei figli, considerati come oggetto di un diritto e non più come soggetti di diritto. Nella 'lotta per la famiglia', insomma, ne va della stessa persona umana. Il Papa fa ampio riferimento a quanto scritto dal Gran Rabbino di Francia, dimostrando che la posizione della Chiesa non è strettamente confessionale, ma è quella della ragione, condivisa nella grande tradizione giudeo-cristiana".
 
TMNews
 
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001