venerdì 11 gennaio 2013

Anno della fede. Vescovi della Corea del Sud: la Chiesa deve tornare a evangelizzare se stessa, in modo da poter poi evangelizzare di nuovo il mondo. Ecco perché ogni fedele deve confermare la propria fede e il proprio impegno a testimoniare il Vangelo

La Chiesa "deve tornare a evangelizzare se stessa, in modo da poter poi evangelizzare di nuovo il mondo. Ecco perché ogni fedele deve confermare la propria fede e il proprio impegno a testimoniare il Vangelo". È il senso della Lettera pastorali inviate da tutti i vescovi della Corea del Sud alle proprie diocesi: il testo verrà letto nelle parrocchie il prossimo 13 gennaio, la domenica in cui si celebra il Battesimo di Gesù. I presuli ricordano ai fedeli che è in corso l'Anno della fede, e che per questo "vanno rinnovate in maniera attiva le promesse compiute durante il battesimo e confermate dalla cresima. Dobbiamo ritrovare l'ardore, il metodo e l'espressione per rilanciare l'evangelizzazione del Paese. Non bisogna dimenticare che quello appena passato è stato l'anno del 50° anniversario dell'apertura del Concilio vaticano II, così come il 20° della pubblicazione del Catechismo della Chiesa". Le piccole comunità cristiane, scrivono ancora i vescovi, "vanno rinvigorite. Serve un'evangelizzazione sociale che sia basata sulla cura pastorale della famiglia e dei giovani, ma che poggi sempre sulla Dottrina sociale della Chiesa. In questo senso, le piccole comunità possono divenire un avamposto per la fede". Il riferimento è a quei piccoli centri rurali meno frequentati "ma anche meno colpiti dai mali del nostro tempo". L'arcivescovo di Seoul, mons. Andrea Yeom Soo-jung, rilancia nella sua lettera cinque "motti" incentrati sull'Anno della fede: "La fede - scrive il presule - parte con la Parola, cresce con la preghiera, si conferma con gli insegnamenti della Chiesa, unifica nella celebrazione della Messa, porta con sé i frutti dell'amore". Il vescovo di Daejeon, mons. Lazzaro You Heung-sik, conclude invece il suo testo con un invito a tutti i fedeli: "Ripartiamo dai giovani. I giovani sono il nuovo punto di vista sulla fede e sulla società e per questo vanno protetti; ma allo stesso tempo devono divenire protagonisti non solo della loro vita, ma anche della cura pastorale".

Joseph Yun Li-sun, AsiaNews
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001