Incidenti nel carcere di Uribana in Venezuela. Telegramma di cordoglio del Papa: lavorare in uno spirito di collaborazione e buona volontà per superare i problemi ed evitare la ripetizione in futuro di tali eventi drammatici

Dopo i violenti scontri verificatisi il 25 gennaio scorso nel carcere venezuelano di Uribana, costati la vita a 58 persone, in gran parte detenuti, il Papa invita le autorità del Paese a operare perché questi fatti drammatici non si ripetano mai più. Benedetto XVI esorta le istituzioni a “continuare a lavorare in uno spirito di collaborazione e buona volontà per superare i problemi ed evitare la ripetizione in futuro di tali eventi drammatici”. L’appello è contenuto in un telegramma di cordoglio inviato, a firma del cardinale segretario di Stato Tarcisio Bertone, in cui il Papa esprime il proprio profondo dolore per i “tragici incidenti” assicurando la sua preghiera per i defunti e “la sua più profonda vicinanza spirituale e solidarietà” alle famiglie delle vittime e ai circa 90 feriti. Proprio ieri, il governo venezuelano ha prorogato di altri tre mesi lo stato di emergenza carceraria per la costruzione di nuovi penitenziari. Secondo l’Osservatorio venezuelano delle prigioni, nel Paese ci sono oltre 45 mila detenuti in strutture che potrebbero ospitarne al massimo 15 mila. L’esecutivo ha aperto un’inchiesta su quanto accaduto: secondo una prima ricostruzione, ad innescare gli incidenti sarebbe stata una perquisizione condotta dalla Guardia nazionale. Alcune bande avrebbero approfittato dell’occasione per aggredire gli agenti: ne sarebbe nato uno scontro durissimo, con i detenuti che avrebbero rubato le armi, ma si ipotizza che altre munizioni fossero all’interno del carcere. Testimoni hanno parlato anche di due esplosioni. Il penitenziario dovrebbe ospitare 850 persone ma al momento ce ne sono 2.500. Per la Commissione Onu per i diritti umani la responsabilità degli scontri è da attribuire alle autorità venezuelane. La Chiesa venezuelana, da parte sua, parla di una “politica penitenziaria inefficace del governo, dinanzi al sovraffollamento, alla mancanza di cibo adeguato, alla violenza incontrollata, ai ritardi procedurali e all'umiliazione subita dalle famiglie” dei detenuti e invoca “un'indagine indipendente e imparziale, che permetta di processare e punire i responsabili”.

Radio Vaticana

Commenti