mercoledì 9 gennaio 2013

Vian: i discorsi del Papa, uomo di fede che davvero vuole parlare a tutti di ciò che più gli preme, e cioè della questione di Dio, rischiano di non essere valorizzati nel panorama mediatico, sempre più affollato e distratto

Gli interventi di Benedetto XVI rischiano talvolta di "non essere valorizzati nel panorama mediatico, sempre più affollato e distratto. E che a volte purtroppo li ignora nonostante l'interesse e l'apprezzamento crescenti per Benedetto XVI, un uomo di fede che davvero vuole parlare a tutti di ciò che più gli preme, e cioè della questione di Dio". Lo scrive L'Osservatore Romano a margine del discorso d'inizio anno di Benedetto XVI al Corpo Diplomatico. "Il passaggio dell'anno civile, che s'incrocia con il tempo della Chiesa, costituisce per il Papa - sottolinea il direttore del giornale vaticano, Giovanni Maria Vian - un'occasione privilegiata per parlare ai cattolici e al mondo, ma in questi giorni. Interventi che inevitabilmente si concentrano, rischiando, anche per il periodo festivo, di passare inosservati". Il Papa cerca "instancabilmente un colloquio con tutti": questo è per Vian il "filo rosso" che lega l'allocuzione del 21 dicembre alla Curia romana, l'omelia di Natale, il discorso alla città e al mondo, quello per l'incontro di Taizè, e le omelie per il Te Deum e per l'ordinazione episcopale di quattro suoi collaboratori (tra i quali il suo segretario particolare), e il discorso di oggi a chi rappresenta le moltissime Nazioni con le quali la Santa Sede ha rapporti diplomatici. In quest'ultimo intervento, per Vian, "molto importante e significativa è stata l'insistenza iniziale di Benedetto XVI che questo sforzo di rapporti, sostenuto in prima persona dai rappresentanti pontifici, tra i quali il Pontefice ha voluto ricordare il nunzio in Costa d'Avorio, morto in un tragico incidente stradale, e di dialogo, motivato dal bene spirituale e materiale di ogni persona umana per promuoverne ovunque la dignita' trascendente, dimensione evocata per ben quattro volte nel discorso al corpo diplomatico". "Non dunque - conclude - di ingerenza nelle diverse società si tratta, ma di una preoccupazione che vuole rivolgersi alle coscienze dei cittadini per il bene di ogni persona".
 
Agi
 
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001