martedì 20 marzo 2012

Card. Brady: visita apostolica non era destinata a sostituire il continuo lavoro della Chiesa in Irlanda. Grande senso di dolore e di vergogna

Nessuna sostituzione o interferenza a quanto la Chiesa di Irlanda, il Consiglio Nazionale per la Tutela dei bambini nella Chiesa cattolica in Irlanda, o le varie agenzie statali hanno fatto e stanno facendo per affrontare con efficacia il dramma degli abusi sessuali sui minori commessi da sacerdoti e religiosi. Lo ha sottolineato il card. Sean Brady (nella foto con Benedetto XVI), primate di Irlanda e presidente della Conferenza Episcopale irlandese, presentando questa mattina alla stampa irlandese la sintesi con i risultati della visita apostolica in Irlanda. “È importante sottolineare - ha detto il cardinale - che la Visita non era destinata a sostituire il continuo lavoro della Chiesa in Irlanda, il Consiglio Nazionale per la Tutela dei bambini nella Chiesa Cattolica in Irlanda, e le varie agenzie statali hanno fatto e continuano a fare, per affrontare con efficacia gli abusi sui minori. Fondamentalmente quindi la relazione di oggi è di natura diversa”. “Attraverso questa Visita apostolica - spiega allora il card. Brady - la Santa Sede offre assistenza ai vescovi, al clero, ai religiosi e ai fedeli laici, per rispondere adeguatamente alla situazione causata dai tragici casi di abusi su minori perpetrati da alcuni sacerdoti e religiosi. Questo rapporto è dunque offerto come contributo al continuo rinnovamento spirituale e morale della Chiesa in Irlanda”. "E' importante sottolineare - ha quindi precisato ai giornalisti il card. Brady - che lo scopo della Visita apostolica era "di natura pastorale” e che l‘intenzione del Santo Padre era quello di “aiutare la Chiesa locale nel suo cammino di rinnovamento”. “Come vescovi - ha poi affermato il presidente della Conferenza Episcopale irlandese - vogliamo unirci al grande senso di dolore e di vergogna espresso nelle conclusioni della Visita apostolica”, per quello che è succe4sso “all‘interno della comunità cristiana”: "sono stati abusati giovani innocenti da chierici e religiosi alle cui cure erano stati affidati, mentre coloro che avrebbero dovuto esercitare la vigilanza, spesso non sono riuscito a farlo in modo efficace. Nell‘esprimere dolore e rammarico, facciamo nostro l‘accorato appello per il perdono alle vittime, e a Dio, per questi terribili crimini e peccati”. A nome di tutti i vescovi irlandesi, il card. Brady ha poi ringraziato Papa Benedetto XVI e tutti coloro che “così generosamente hanno lavorato per assicurare un esito positivo alla Visita apostolica. Come comunità cristiana ci sentiamo rafforzati e incoraggiati dalla cura e dall‘impegno dimostrato a noi dal Santo Padre in tanti modi in tutta questa crisi. Andiamo avanti con rinnovata fede e speranza, mentre ci prepariamo ad ospitare il 50°Congresso Eucaristico Internazionale e a trarre nuova linfa e rinnovamento dalla avvicinarsi dell’Anno della Fede”.

SIR
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001