domenica 25 marzo 2012

Proliferazione delle armi leggere, sfide globali, educazione e libertà religiosa i temi del colloquio tra Benedetto XVI e il presidente Calderon

La proliferazione delle armi leggere e di piccolo taglio ha “ha favorito l'azione criminale della delinquenza organizzata”. Lo hanno sottolineato Benedetto XVI e il presidente messicano Felipe Calderon, nel loro colloquio privato di circa mezz’ora alla “Casa del Conde Rul” di Guanajuato. Compiere passi avanti sulla via del disarmo nucleare e arrivare rapidamente alla stipula del trattato internazionale sul commercio delle armi piccole e leggere, hanno auspicato il Papa ed il presidente messicano, secondo quanto riferisce un comunicato della presidenza della Repubblica messicana. Durante l’incontro, il Papa e il capo di Stato - spiega la nota - “hanno commentato le sfide globali che oggi il mondo affronta e sulle quali sia il Messico sia la Santa Sede mantengono una posizione attiva a livello mondiale”. Tra queste, si citano “il mutamento climatico e le sue conseguenze, la sicurezza alimentare e la lotta contro la fame nel mondo, il desiderio di avanzare verso il disarmo nucleare e - appunto - la necessità di raggiungere un trattato internazionale sul commercio delle armi piccole e leggere visto che la loro proliferazione ha favorito l'azione criminale della delinquenza organizzata”. Sottolineato inoltre “il lavoro di aiuto che la Chiesa cattolica porta avanti a livello internazionale in tema dei disastri naturali e dell’assistenza umanitaria”. Attenzione è stata prestata anche “alla situazione degli attuali conflitti nel mondo”. Il direttore della Sala Stampa della Santa Sede, padre Federico Lombardi, ha inoltre spiegato che nel colloquio tra il Pontefice e il presidente è stato toccato pure il tema dell'educazione, con riferimento alle giovani generazioni; si è invece soltanto brevemente accennato al tema della libertà religiosa, su cui in Messico si sta lavorando a una riforma costituzionale. Nell’occasione del colloquio tra il Papa e il presidente Calderon, si è svolto anche un incontro tra la delegazione vaticana, guidata dal segretario di Stato, il card. Tarcisio Bertone, e dal segretario per i rapporti con gli Stati, l’arcivescovo Dominique Mamberti, e quella del governo messicano, con i ministri dell'Interno, Alejandro Poirè, e degli Esteri, Patricia Espinosa. Tra i temi toccati, le ventennali relazioni bilaterali, la presidenza messicana del G20, “la lotta contro la criminalità organizzata transnazionale”, le migrazioni, il riscaldamento globale. Ribadita la necessità di un cammino verso il disarmo nucleare e di “concludere a breve il Trattato sul commercio delle armi (ATT)”. Riconosciuto infine il ruolo della Santa Sede nelle questioni mondiali, “come la lotta alla fame, la prevenzione dei disastri naturali, gli aiuti umanitari, il diritto umanitario internazionale, i diritti umani e l'abolizione della pena di morte”.

Radio Vaticana
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001