domenica 25 marzo 2012

Il Papa: Madre del vero Dio invita a rimanere con fede e carità sotto la sua ombra per superare ogni male e instaurare società più giusta e solidale

Poco dopo mezzogiorno, al termine della Celebrazione Eucaristica, il Santo Padre Benedetto XVI ha guidato la recita dell’Angelus con i fedeli presenti al Parque del Bicentenario di León. "Ricordando l'Annunciazione del Signore, i nostri occhi si dirigono spiritualmente fino al colle del Tepeyac, al luogo dove la Madre di Dio, sotto il titolo di ‘la sempre vergine santa Maria di Guadalupe’, è onorata con fervore da secoli, quale segno di riconciliazione e della infinita bontà di Dio per il mondo", ha affermato il Santo Padre, alla recita dell’Angelus. "I miei predecessori sulla Cattedra di San Pietro – ha continuato - la onorarono con titoli speciali come Signora del Messico, Celeste Patrona dell’America Latina, Madre e Imperatrice di questo Continente. I suoi fedeli figli, a loro volta, che sperimentano il suo aiuto, la invocano, pieni di fiducia, con nomi affettuosi e familiari come Rosa del Messico, Signora del Cielo, Vergine ‘Morena’, Madre del Tepeyac, Nobile ‘Indita’". Poi ha affermato: "Non dimenticate che la vera devozione alla Vergine Maria ci avvicina sempre a Gesù". Perciò, "amarla significa impegnarsi ad ascoltare il suo Figlio; venerare la Guadalupana significa vivere secondo le parole del frutto benedetto del suo seno". "In questi momenti - ha sostenuto Benedetto XVI - in cui tante famiglie si ritrovano divise e costrette all’emigrazione, molte soffrono a causa della povertà, della corruzione, della violenza domestica, del narcotraffico, della crisi di valori o della criminalità, rivolgiamoci a Maria alla ricerca di conforto, vigore e speranza. È la Madre del vero Dio, che invita a rimanere con la fede e la carità sotto la sua ombra, per superare così ogni male e instaurare una società più giusta e solidale". Con questi sentimenti, il Papa ha posto "nuovamente sotto il dolce sguardo di Nostra Signora di Guadalupe questo Paese e tutta l’America Latina e i Caraibi" e ha affidato ciascuno dei suoi figli "alla Stella della prima e della nuova evangelizzazione, che ha animato con il suo amore materno la storia cristiana di queste terre, dando caratteristiche particolari ai grandi avvenimenti della loro storia, alle loro iniziative comunitarie e sociali, alla vita familiare, alla devozione personale e alla Misiòn continental che ora si sta svolgendo in queste nobili terre". "In tempi di prova e dolore - ha concluso il Papa - , Ella è stata invocata da tanti martiri che, al grido ‘Viva Cristo Re e Maria di Guadalupe’, hanno dato una perenne testimonianza di fedeltà al Vangelo e di dedizione alla Chiesa". "Supplico ora che la sua presenza in questa cara Nazione – ha concluso - continui a richiamare al rispetto, alla difesa e alla promozione della vita umana e al consolidamento della fraternità, evitando l’inutile vendetta ed allontanando l’odio che divide". Dopo la recita dell’Angelus, il Santo Padre si è recato verso l’immagine della Vergine di Guadalupe per un momento di preghiera. Con la Benedizione finale, il Papa ha benedetto 91 riproduzioni della Madonna di Guadalupe destinate a ciascuna delle diocesi del Messico.

SIR

VIAGGIO APOSTOLICO IN MESSICO E NELLA REPUBBLICA DI CUBA (23 - 29 MARZO 2012) (VI) - il testo integrale delle parole del Papa
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001