La Fraternità San Pio X tra fughe di notizie e la prospettiva di una scissione interna in vista del rientro nella piena comunione con la Chiesa

In vista della definitiva risposta della Santa Sede per il rientro nella Chiesa Cattolica, i lefebvriani sono alle prese, in questi giorni, con la prospettiva di una scissione interna tra chi accetterà di rientrare in comunione con Roma e chi rimarrà in situazione di scisma. Tensioni che si riflettono anche in una fuga di notizie che ha provocato la dura reazione della casa generalizia. Nei giorni scorsi, infatti, un forum internet tradizionalista, CathInfo.com, ha pubblicato lo scambio epistolare tra il superiore lefebvriano, mons. Bernard Fellay, favorevole ad un accordo con Roma e gli altri tre vescovi della Fraternità Sacerdotale San Pio X, Alfonso de Galarreta, Nicolas Tissier de Mallerais et Richard Williamson, scettici su una conclusione positiva dei negoziati col Vaticano. Nella loro lettera di inizio aprile, i tre presuli mettevano in guardia il superiore a non condurre la fraternità "a una profonda divisione senza ritorno" accusando Papa Benedetto XVI di avere un pensiero "intriso di soggettivismo". Mons. Fellay rispondeva accusando i suoi confratelli di "mancanza di realismo". Lo scorso 18 aprile lo stesso Fellay aveva inviato a Roma l'ultima risposta alle precondizioni dottrinali poste dalla Santa Sede per il rientro nella Chiesa Cattolica, e il Vaticano ha fatto sapere di ritenere questa risposta incoraggiante. L'eventuale esito positivo dei negoziati verrà presa nelle prossime settimane e approvata, alla fine, dal Papa. La casa generalizia dei lefebvriani, intanto, ha pubblicato, ieri, una secca nota di critica della fuga di notizie via internet: "Un tale modo di procedere è condannabile. Colui che ha infranto la confidenzialità di questa corrispondenza interna ha peccato gravemente. Tale pubblicazione incoraggerà i fautori della divisione, ai quali la Fraternità San Pio X invita a non rispondere se non con una insistente preghiera, affinché si faccia unicamente la volontà di Dio, per il bene della Chiesa e la salvezza delle anime". Mons. Fellay ha anche rilasciato un'intervista all'agenzia stampa della Conferenza Episcopale Usa, Catholic News Service, nella quale ha spiegato: "Non posso escludere che ci possa essere una scissione".

TMNews

Comunicato dalla Casa Generalizia della Fraternità San Pio X

Commenti