martedì 26 giugno 2012

Benedetto XVI saluta i vescovi delle diocesi colpite dal sisma, le autorità e una rappresentanza di soccorritori e di cittadini dei diversi paesi

Una volta terminato il suo discorso, il Papa ha salutato i molti vescovi delle diocesi dell'Emilia, della Lombardia e del Veneto colpite dal terremoto, le autorità civili, tra cui il ministro del Turismo e dello Sport, Piero Gnudi, intervenuto in rappresentanza del governo. Poi il Pontefice ha salutato una rappresentanza delle diverse categorie di soccorritori e un centinaio di cittadini di Rovereto, Carpi e dei paesi vicini. Due parrocchiane hanno consegnato a Benedetto XVI una lettera in cui è scirtta la loro voglia di lavorare e ripartire, ma anche la forte mancanza per la perdita di don Ivan Martini, morto per salvare la statua della madonna nella chiesa di Santa Caterina. La lettera è firmata da tutti i parrocchiani.I volontari dell'associazione 'Vola nel cuore' di Ferrara, che stanno operando nei campi della Protezione civile, hanno portato al papa un naso rosso da clown e un cappellino dell'associazione. "Ho chiesto al Papa di pregare per i bambini di cui ci occupiamo - ha detto Monica Lodi, la volontaria che gli ha portato l'insolito dono - e gli ho chiesto di essere con le sue preghiere di sostegno per noi". Christian Lanno, quattro anni, è tra i bimbi portati a parlare col Papa. Da quando è crollata la sua casa di Rovereto chiede a tutti: ''E' caduta la tua casa? La mia sì", racconta la mamma Reanna Mazzola. La casa di Christian è crollata alle 9 del mattino del 29 maggio. ''Mi sono salvata per un soffio - ha spiegato Reanna - la porta era già bloccata dal crollo, ho anche un sistema automatico che si era disattivato e non la faceva aprire. Ma sono riuscita a uscire e a correre fuori col bambino''. Qualche minuto dopo è arrivata anche la madre di Reanna, Lucy Galavotti. ''Pensavo che mia figlia fosse lì sotto, ho incominciato a urlare. Poi è arrivato un vicino che mi ha detto che era riuscita a scappare. E' stato terribile. Poco dopo ho saputo che don Ivan era morto cercando di portare fuori la Madonnina, mia figlia era svenuta e per lo spavento le è venuta una trombosi. Lei ha perso tutto, la casa e anche quattro capannoni''. ''Ma non ho perso Christian'', dice Reanna sorridendo. Dal Papa anche Valerio, un bimbo che "sta in sedia a rotelle e quando non c'era il terremoto passava per la piazza di Novi andando a supervelocità. E spero torni presto a farlo'', racconta Luisa Turci, sindaco di Novi. Quattro famiglie tra Rovereto e Novi sono state scelte da Italo Malagola, vicesindaco, per incontrare il Papa oggi. Tutte hanno la casa distrutta o seriamente lesionata dal sisma, e tutte hanno bambini.''Sono soddisfatta di come è andata la giornata soprattutto perchè dal punto di vista organizzativo e della sicurezza tutto ha funzionato. Ora siamo in serenità e tranquillità, ieri ero preoccupata soprattutto per il numero delle persone che avrebbero inciso su questo paese. Sa, noi adesso siamo molto 'delicati'''. ''Per me è stato un momento molto emozionante incontrare il Papa - ha concluso il sindaco Turci - è una persona di grande spiritualità, anche se io non sono credente mi ha molto emozionata. L'ho ringraziato per la speranza che ci è venuto a portare e lui mi ha risposto (almeno così io ho capito nella confusione), 'forza, forza' ''.

LaPresse News, Il Resto del Carlino
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001