martedì 26 giugno 2012

Mons. Di Noia nominato vicepresidente Commissione 'Ecclesia Dei'. Dottrina della Fede: segno di sollecitudine pastorale del Papa per tradizionalisti

Il Santo Padre Benedetto XVI ha nominato vice presidente della Pontificia Commissione "Ecclesia Dei" mons. Joseph Augustine Di Noia (foto), arcivescovo titolare di Oregon City, finora segretario della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti. La nomina di mons. Di Noia è stata accompagnata da una nota della Congregazione per la Dottrina della Fede, nella quale si afferma come la scelta di destinare a tale ruolo una personalità di così alto profilo sia “segno di sollecitudine pastorale del Santo Padre per i cattolici tradizionalisti in comunione con la Santa Sede” e insieme del “suo forte desiderio di riconciliazione con le comunità tradizionaliste non unite alla Sede di Pietro”. La nota prosegue ricordando che la Pontificia Commissione "Ecclesia Dei", guidata dal cardinale William J. Levada, è stata fondata nel 1988 dal Beato Giovanni Paolo II per facilitare la “piena comunione ecclesiale dei sacerdoti, seminaristi, comunità o singoli religiosi fino ad oggi in vario modo legati alla Fraternità fondata da mons. Lefebvre” e per promuovere la cura pastorale dei fedeli legati all'antica tradizione liturgica latina della Chiesa cattolica. Nel 2009, la Pontificia Commissione era strutturalmente collegata alla Congregazione per la Dottrina della Fede per affrontare le questioni dottrinali nel dialogo in corso tra la Santa Sede e la Fraternità Sacerdotale San Pio X.“Come rispettato teologo domenicano – si legge ancora nella nota della Dottrina della Fede – l’arcivescovo Di Noia ha dedicato molta attenzione a questi temi dottrinali, nonché alla priorità dell’ermeneutica della continuità e della riforma nella giusta interpretazione del Concilio Vaticano II, un’area di importanza cruciale nel dialogo tra le Santa Sede e la Fraternità Sacerdotale”. Tale dialogo, si precisa, “è proseguito negli ultimi tre anni” sotto la guida del card. Levada, con l'assistenza di mons. Guido Pozzo, segretario della Pontificia Commissione. La nota ricorda i passati incarichi di mons. Di Noia, in precedenza segretario della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti. In tale dicastero, si rammenta, il presule, assieme al cardinale prefetto Antonio Canizares, ha “supervisionato la riorganizzazione del dicastero e la preparazione di un nuovo Regolamento seguendo le indicazioni di Papa Motu Proprio di Benedetto XVI del 30 agosto 2011, 'Quaerit Semper'. L’esperienza di mons. Di Noia e il continuo legame con la Congregazione per il Culto Divino faciliteranno lo sviluppo di alcune desiderate disposizioni liturgiche nella celebrazione del Missale Romanum del 1962”. Inoltre, conclude la nota, “il rispetto ampio che l'arcivescovo Di Noia gode nella comunità ebraica aiuterà a risolvere alcuni problemi sorti in materia di relazioni cattolico-ebraiche, allo steso modo in cui è progredito il cammino verso la riconciliazione delle comunità tradizionaliste”.

Radio Vaticana

NOTA CONGREGAZIONE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001