venerdì 19 ottobre 2012

Mons. Gmür: la Chiesa deve ascoltare la voce dei fedeli laici e farsi carico delle situazioni problematiche, come nel caso dei divorziati risposati

“La Chiesa deve ascoltare la voce dei fedeli laici e farsi carico delle situazioni problematiche, come nel caso dei divorziati risposati”: lo ha detto durante un incontro coi giornalisti, al termine dei lavori mattutini del Sinodo in Vaticano, il vescovo di Basilea (Svizzera) mons. Felix Gmür, che ha 46 anni ed è uno dei più giovani tra i vescovi partecipanti al Sinodo. Il vescovo ha citato il caso di una coppia di divorziati che hanno contratto il loro secondo matrimonio, con rito civile, avendo alle spalle, rispettivamente, due brevissime esperienze matrimoniali di uno o due anni. “Dobbiamo interrogarci, in un caso come questo, se questi 50 anni di vita insieme, sia pure in una situazione irregolare rispetto alle norme della Chiesa, siano da considerare un ‘niente’ oppure no. Ogni caso è unico e la Chiesa non può trascurare di considerare anche le persone che si trovano in queste particolari situazioni”. “Non ho ricette per come la Chiesa possa rispondere all’alto numero di situazioni irregolari che si riscontrano a livello matrimoniale, ma certo - ha aggiunto - non si può ignorare il problema”. Alla domanda se occorra anche riconsiderare la visione della Chiesa sulle unioni tra omosessuali, ha risposto: “No, questa è un’altra cosa, sono diverse realtà e non si devono confondere”. Mons. Gmür ha poi spiegato che cinque parroci svizzeri non hanno voluto raccogliere l'Obolo di San Pietro perché "non sapevano dove precisamente finiscono i soldi inviati alla Santa Sede. Questi sacerdoti - ha precisato il vescovo - non saranno puniti, ma come vescovi svizzeri abbiamo detto loro che hanno commesso essi per primi un abuso di potere, in quanto i fedeli hanno diritto a dare qualcosa al Papa, se c'è una colletta obbligatoria. La loro richiesta di trasparenza l'abbiamo però trasmessa a Roma spiegando che in Svizzera sui bilanci siamo tutti molto attenti".

SIR, TMNews
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001