mercoledì 23 gennaio 2013

Anno della fede. Sul tema 'Condividere la Buona Novella' l'annuale Settimana delle scuole cattoliche in Irlanda. I vescovi: opportunità per impegnarsi a rafforzare e ribadire la propria identità

“Scuole cattoliche nella comunità di fede: condividere la Buona Novella”: è questo il tema scelto dalla Conferenza Episcopale irlandese per l’annuale Settimana delle scuole cattoliche, che quest’anno avrà luogo dal 27 gennaio al 3 febbraio. All’origine della scelta del tema, informa una nota, c’è l’Anno della fede, indetto da Benedetto XVI per commemorare i 50 anni del Concilio Vaticano II e i 20 anni del Catechismo della Chiesa Cattolica. “L’Anno della fede – scrivono i vescovi – è un’opportunità, per le scuole cattoliche, per impegnarsi a rafforzare e ribadire la propria identità”. Tre, quindi, gli obiettivi principali dell’iniziativa: “Innanzitutto, incoraggiare le scuole a raccogliersi in preghiera per rendere grazie del dono della fede; secondo, esortare gli studenti a riflettere sulla testimonianza della vita cristiana, guardando anche all’esempio dei Santi; infine, invitare le scuole a guardare a Cristo, poiché la fede ha il suo inizio e la sua fine nel Figlio di Dio”. “L’obiettivo principale dell’educazione cattolica – ricordano ancora i vescovi irlandesi – è la crescita integrale dell’individuo”, e “nelle scuole cattoliche, gli studenti sono incoraggiati a crescere in comunione con Cristo e gli con gli altri, quindi non soli, come individui, ma con l’aiuto reciproco dell’intera comunità scolastica”. In vista della Settimana, la Chiesa di Dublino ha preparato materiale informativo e dossier di approfondimento non solo per i Centri educativi, ma anche per le famiglie e le parrocchie, ovvero per tutti gli attori impegnati “nel lavoro cruciale di alimentare la fede degli studenti cattolici”.

Radio Vaticana
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001