domenica 6 gennaio 2013

Il Papa: saluto l'associazione Famiglie Libere Associate d'Europa che dà vita al corteo storico-folcloristico, ispirato quest'anno alle tradizioni della città di Arezzo e del suo territorio

''Saluto l'associazione Famiglie Libere Associate d'Europa che dà vita al corteo storico-folcloristico, ispirato quest'anno alle tradizioni della città di Arezzo e del suo territorio''. Con queste parole, pronunciate al termine dell'Angelus, Benedetto XVI ha salutato i partecipanti alla 28° edizione del corteo ''Viva la Befana'', promossa per riaffermare e tramandare i valori dell'Epifania. I Re Magi, nell'edizione di quest'anno, sono giunti a Roma dalla città di Arezzo e dalle sue valli. In Via della Conciliazione hanno sfilato 1.500 figuranti in costume storico, tra cui musici e sbandieratori, 25 cavalli con colorate bardature, bande musicali con majorettes, decine di scenografie. Tutti arrivati a Roma in largo anticipo, partendo all'alba da Arezzo secondo i tempi che i vari partecipanti si erano dati. Presente anche il sindaco di Arezzo Giuseppe Fanfani. Dopo l'Angelus, i tre Re Magi, come tradizione, hanno raggiunto la Casa Pontificia, per portare a Benedetto XVI simbolici doni delle famiglie e del cuore produttivo del territorio: tre calici in argento, realizzati a mano, con varie tecniche, dall'artigiano maestro orafo Alano Maffucci. Ben 1.500 figuranti in costume storico, tra cui musici e sbandieratori, 25 cavalli con colorate bardature, 3 bande musicali con le majorette, decine di scenografie: un corteo storico dell'Epifania giudicato ricchissimo anche dagli osservatori esterni e che è sfilato in via della Conciliazione per rendere poi omaggio al Papa in Piazza San Pietro al momento dell'Angelus. Il Papa ha anche rivolto il suo saluto a tutti i partecipanti ai cortei dell'Epifania e lo ha fatto in polacco perchè in questo paese questa tradizione è molto sentita. Questi cortei, ha detto, "sull'esempio dei Magi d'oriente citati nel Vangelo, camminano per le strade di tante città spiritualmente rivolti verso Betlemme in cerca del Salvatore". "Questa rappresentazione - ha auspicato il Papa - rafforzi i credenti, avvicini alla Chiesa quanti se ne sono allontanati e aiuti coloro che cercano Dio a trovarlo. Benedico di cuore i partecipanti ai cortei e voi tutti". "La manifestazione, giunta alla sua ventottesima edizione, è divenuta, grazie alla costante dedizione di molte associazioni di volontariato coordinate da Europae Fami.li.a. (Famiglie Libere Associate d'Europa), un grande contenitore culturale, aperto al contributo di tutti coloro che vogliono collaborare a riempirlo con quei ricordi preziosi che riescono a suscitare oggetti, abiti, utensili, scene di vita quotidiana che appartengono alla storia e alle tradizioni delle nostre famiglie e che, in molti comuni italiani ancora si conservano e si rinnovano, per essere tramandati, intatti, alle nuove generazioni. In questo insolito ed originale 'contenitore regalo', come gli organizzatori usano chiamarlo, i Comuni che si sono candidati e che ogni anno vengono designati dal comitato organizzatore, rappresentano cultura, tradizioni, risorse e prodotti dei loro Territori, per donarli simbolicamente, in occasione dell'Epifania, a tutte le famiglie del mondo". "La preparazione dell'evento - sottolinea una nota - seppure laboriosa e complessa, non scoraggia genitori, nonni e bambini, ciascuno dei quali, per realizzare il grande mosaico, mette in opera, con grande entusiasmo la propria "tessera". Centinaia di ore di lavoro, per ricercare, studiare, selezionare, valorizzare, creare e assemblare quanto di meglio esiste sul Territorio. Scolaresche, guidate dai loro insegnanti, Istituzioni pubbliche e/o private, associazioni culturali, sportive e d'arma, artigiani, commercianti, professionisti si impegnano per ideare e preparare scenografie che possano raccontare storia e tradizioni, nuove, o vecchie di secoli. Una gara tra, rioni, contrade, quartieri che avrà sempre e comunque un solo vincitore, "la Città o la provincia protagonista del corteo".

La Nazione
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001