mercoledì 6 febbraio 2013

Benedetto XVI: giovani, spendete le vostre energie per la causa del Vangelo. Testimoniare con rinnovato entusiasmo la carità evangelica, in particolare per i deboli e i poveri

Un invito a “spendere le vostre energie per la causa del Vangelo”. A rivolgerlo ai giovani, al termine dell’Udienza generale di questa mattina è stato il Papa, salutando i particolare gli studenti dell’Istituto francescano “Faà di Bruno” di Torino, nel 150° anniversario di fondazione, e quelli delle scuole “Regnum Christi” di Roma, ai quali ha additato l’esempio di San Paolo Miki e dei compagni martiri giapponesi, memoria liturgica odierna. Interrotto a più riprese dagli applausi dei ragazzi, che scandivano sillabando il suo nome, Benedetto XVI ha salutato tra gli altri i vescovi che prendono parte al convegno “Cristiani e pastori per la Chiesa di domani”, promosso dalla Comunità di Sant’Egidio, ai quali ha chiesto di “ravvivare la fede nel Signore” e di “testimoniare con rinnovato entusiasmo la carità evangelica, in particolare per i deboli e i poveri”, i frati minori conventuali, che celebrano il loro 200° capitolo generale, chiedendo loro di “testimoniare agli uomini di oggi la bellezza di seguire il Vangelo in semplicità e fraternità”, e i partecipanti al Corso di formazione umana per il sacerdozio e la vita consacrata, accompagnati dal card. Elio Sgreccia. Tra i partecipanti all’udienza, anche una delegazione del Kazakhstan, capeggiata dal presidente del Senato, Kairat Mami. Al termine dell'udienza il cordialissimo incontro, in una delle salette del complesso dell'Aula Nervi, tra Benedetto XVI e i missionari di San Carlo, ramo sacerdotale di Comunione e Liberazione. Il Papa ha incoraggiato il nuovo superiore generale, don Paolo Sottopietra, che ha sostituito mons. Massimo Camisasca, lo storico collaboratore di don Giussani chiamato all'episcopato come ordinario di Reggio Emilia.

SIR, Agi
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001