Cantalamessa: la divinità di Cristo è la pietra angolare che sorregge la fede cristiana, illumina, rischiara l’intera vita, senza Dio è lontano

Questa mattina, nella Cappella Redemptoris Mater, alla presenza del Santo Padre Benedetto XVI, il predicatore della Casa Pontificia, padre Raniero Cantalamessa, ha tenuto al prima Predica di Quaresima. Tema delle meditazioni quaresimali è "Ricordatevi dei vostri capi e imitatene la fede" (Ebrei 13,7). La divinità di Cristo, lo Spirito Santo, la Trinità, la conoscenza di Dio: sono gli argomenti che padre Cantalamessa svilupperà per quattro venerdì nelle sue prediche. Il religioso cappuccino ha spiegato che quest’anno offrirà riflessioni sui grandi dottori della Chiesa orientale: Atanasio, Basilio, Gregorio Nazianzeno e Gregorio Nisseno, “per vedere cosa ognuno di essi dice a noi oggi”. Imparare dai Padri della Chiesa “l’approfondimento della propria fede, riscoprire, dietro di essi, la ricchezza, la bellezza e la felicità del credere, passare...da una fede creduta a una fede vissuta”: padre Raniero Cantalamessa ha scelto di “attingere slancio e ridare freschezza al nostro credere”, ricorrendo all’insegnamento dei “giganti della fede”. E ha cominciato da Sant’Atanasio, vissuto fra il III e IV secolo, il primo, tra l’altro, ad avere rivendicato la libertà della Chiesa anche in uno Stato cristiano. Merito grande del vescovo di Alessandria è stato quello di spiegare la piena divinità di Cristo, che è Figlio, generato dal Padre ma non creato: "La divinità di Cristo è oggi...la verità con la quale la Chiesa sta o cade". Da qui, ha aggiunto il predicatore della Casa Pontificia, “il problema vitale per l’uomo d’oggi”: stabilire "in che modo viene giustificato il peccatore, quando neppure si crede più di avere bisogno di una giustificazione, o si è convinti di trovarla in se stessi”. La risposta, come dice Atanasio, è proprio Cristo: "La divinità di Cristo è la pietra angolare che sorregge i due misteri principali della fede cristiana; la Trinità e l'incarnazione. Essi sono come due porte che si aprono e si chiudono insieme. Scartata quella pietra, tutto l'edificio della fede cristiana crolla su se stesso: se il Figlio non è Dio, da chi è formata la Trinità?". C’è da demolire in credenti ed uomini di Chiesa, ha proseguito padre Cantalamessa, “la falsa persuasione di credere già, di stare a posto per quanto riguarda la fede. Bisogna provocare il dubbio...per poterci mettere poi alla ricerca di una fede più autentica”. Perché, insegna Atanasio, “la fede nella divinità di Cristo non è possibile, se non si fa anche l’esperienza della salvezza operata da Cristo”. “Senza questa – ha proseguito – la divinità di Cristo diventa facilmente un’idea, una tesi, e si sa che a un’idea si può sempre opporre un’altra idea, e a una tesi, un’altra tesi”. Ma come fare esperienza di tale salvezza?. “Leggendo la parola di Dio (e prendendola per quello che è, parola di Dio!) – ha concluso il predicatore della Casa Pontificia -, amministrando e ricevendo i sacramenti, soprattutto l’Eucaristia, luogo privilegiato della presenza del Risorto, esercitando i carismi, mantenendo un contatto con la vita della comunità credente, pregando”. La divinità di Cristo “illumina, rischiara l’intera vita cristiana. Senza la fede nella divinità di Cristo: Dio è lontano, Cristo resta nel suo tempo, il Vangelo è uno dei tanti libri religiosi dell’umanità, la Chiesa una semplice istituzione, l’evangelizzazione una propaganda, la liturgia rievocazione di un passato che non c’è più, la morale cristiana un peso tutt’altro che leggero e un giogo tutt’altro che soave”.

Radio Vaticana

Sant'Atanasio e la fede nella divinità di Cristo - il testo integrale della predica di padre Cantalamessa

Padre Cantalamessa parla delle meditazioni quaresimali per la Curia romana: cosa si prova a fare la predica al Papa

Commenti