venerdì 9 marzo 2012

Lombardi: inserimento del Vaticano nella lista 'concern' riflette l’impegno attivo per piena trasparenza delle attività economiche e finanziarie

La notizia dell'inserimento della Santa Sede nel rapporto annuale sulla 'International Narcotics Control Strategy' del dipartimento di Stato Usa tra i paesi oggetto di "concern" (preoccupazione) dal punto di vista del riciclaggio di denaro o altri crimini finanziari "per chi lo sa leggere, è una 'non notizia', o se si vuole una 'buona notizia'", secondo il direttore della Sala Stampa della Santa Sede, padre Federico Lombardi. Non è strano o preoccupante che la Santa Sede sia inserita nella lista dei Paesi oggetto di 'concern'? "No", risponde Lombardi a Radio Vaticana, "è naturale che la Santa Sede sia recensita nel Rapporto in questa categoria. Questa è infatti la categoria in cui si trovano i Paesi che sono oggetto di ulteriore valutazione quanto all'efficacia delle normative contro i crimini finanziari. Ciò corrisponde alla situazione attuale della Santa Sede, che ha fatto domanda di avviare il processo di valutazione da parte di Moneyval, processo che - com'è noto - è in corso e richiederà ancora diverse tappe e diverso tempo. La Santa Sede ha già messo e sta attivamente mettendo a punto leggi, regolamenti e provvedimenti in tal senso. Si può osservare, ad esempio - come appare da una delle tabelle - che il Rapporto in questione riguarda lo scorso anno e quindi non è ancora informato della recente ratifica da parte della Santa Sede di alcune convenzioni internazionali, avvenuta appunto in gennaio". Quindi, nessun nuovo motivo di 'scandalo' finanziario per la Santa Sede? "No, al contrario, direi che la notizia dell'inserimento della Santa Sede nel Rapporto americano, per chi lo sa leggere, è una 'non notizia', o se si vuole una 'buona notizia', in quanto riflette esattamente la realtà dell'impegno attivo attuale della Santa Sede per una piena trasparenza delle attività economiche e finanziarie", ha risposto il portavoce vaticano. "Anzitutto - ha detto il gesuita ai microfoni di Radio Vaticana - bisogna osservare bene con quali criteri i vari Paesi vengono inseriti nelle diverse liste del Rapporto. Si tratta di una serie complessa di criteri, tra cui si trovano sia i volumi di flussi di denaro oggetto di riciclaggio, sia le normative attuate nel campo della lotta al riciclaggio, sia altri fattori. Tanto vero che nella lista dei Paesi oggetto di 'primary concern', quindi di maggiore attenzione, non c'è la Santa Sede, ma ci sono l'Italia, la Francia, la Germania, il Regno Unito e gli stessi Stati Uniti, ovviamente date le dimensioni dell'economia e quindi dei problemi di riciclaggio in questi Paesi". La Santa Sede, ha fatto notare Lombardi, "è inserita per la prima volta fra i Paesi di cui parla il Rapporto. Ciò ha suscitato domande, ma in realtà non deve affatto stupire. Il Rapporto stesso nota infatti che proprio nel corso del 2011 la Santa Sede è diventata osservatore attivo di Moneyval, ha avviato cioè il suo inserimento partecipativo nel sistema internazionale di controlli dell'attività finanziaria per la lotta contro il terrorismo e la droga. E' quindi naturale che ora sia inserita nel Rapporto a differenza del passato".

TMNews

Padre Lombardi: prosegue l'impegno della Santa Sede per la trasparenza finanziaria
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001