venerdì 23 marzo 2012

Benedetto XVI: in Messico e Cuba per portare un messaggio di speranza. Napolitano: viaggio un alto richiamo per sfide civili e sociali

“Nel momento in cui lascio Roma per recarmi in Messico e Cuba per sostenere la missione della Chiesa locale e portare un messaggio di speranza, mi è caro rivolgere a Lei, Signor Presidente, il mio deferente saluto, che accompagno con fervidi auspici per il benessere spirituale, civile e sociale del popolo italiano, cui invio volentieri la benedizione apostolica”: è il testo del telegramma che Benedetto XVI ha fatto pervenire stamane, partendo per il viaggio apostolico in Messico e a Cuba, al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. E il capo dello Stato, dal canto suo, ha inviato al Pontefice il seguente messaggio: "Santità, desidero farle pervenire il più sincero ringraziamento per il messaggio che ha voluto cortesemente indirizzarmi nel momento in cui si accinge a partire per il viaggio apostolico in Messico e a Cuba. Grande è l'attenzione con cui l'intera comunità internazionale guarda a questa sua nuova missione, così come intense sono l'attesa e la speranza dello popolazioni che si accinge a incontrare e che, sono certo, la accoglieranno con particolare calore". "Sono convinto - conclude - che la sua attesa visita trasmetterà profondi sentimenti di vicinanza e di comunione alle popolazioni di questi Paesi e dell'intero continente latinoamericano. Essa costituirà un alto richiamo morale ad affrontare in spirito di rinnovata solidarietà e unità le importanti sfide civili e sociali che attendono tali Nazioni. Mi è gradita l'occasione per rinnovarle i sensi della mia profonda stima e considerazione".

SIR, Vatican Insider

VIAGGIO APOSTOLICO IN MESSICO E NELLA REPUBBLICA DI CUBA (23 - 29 MARZO 2012) (I)

Messaggio del presidente Napolitano a Sua Santità Benedetto XVI in occasione del viaggio apostolico in Messico e a Cuba
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001