giovedì 17 maggio 2012

VII IMF-Il Papa a Milano. Su invito della diocesi dai negozianti attenzione per le famiglie di pellegrini. Menù a prezzi contenuti e calmierati

Non speculate sul pellegrino. La gran massa di fedeli (un milione di persone) che arriverà a Milano (foto) tra l’1° e il 3 giugno per il VII Incontro Mondiale delle Famiglie con il Papa dovrà mangiare, bere, usare i servizi igienici nelle tre giornate passate tra veglie, Messe e incontri. Un evento di forte impatto per la città a cui Milano dovrà far fronte offrendo servizi low cost, per fare in modo che i pellegrini non si trovino nella situazione di pagare prezzi esorbitanti per una bottiglia d’acqua, un panino, o la cena. Per questo l’Epam, che ha tra i suoi iscritti circa 6mila dei 9mila esercizi pubblici milanesi, ha raccolto la richiesta della diocesi: per garantire un’adeguata accoglienza, offrire consumazioni (colazione, pranzo e cena) a prezzi contenuti e calmierati. Minimo 2 euro, massimo 14, con le bottiglie d’acqua da mezzo litro vendute al massimo a 1 euro. Agli associati (e un centinaio hanno già aderito) sta arrivando una scheda di adesione in cui si impegnano a far pagare per un pranzo (primo e contorno, o secondo e contorno con acqua o bibita) 8 euro per gli adulti e 6 per i ragazzi, che sale a 14 e a 10 per la cena, con ritiro anche dei buoni pasto di cui i pellegrini saranno dotati. Per la colazione al bar, invece, il prezzo stabilito è 2 euro. La scheda va restituita firmata all’associazione, che provvederà a segnalare con una locandina i pubblici esercizi convenzionati. "In questi giorni stiamo inviando la scheda anche a chi non è nostro iscritto - dice Alfredo Zini (Epam) - L’evento è rivolto alle famiglie e noi facciamo appello al senso di responsabilità delle imprese, la città deve rispondere al meglio. E anche a chi non aderisce chiediamo l’assoluta trasparenza nei prezzi, in modo che i pellegrini non abbiano sorprese". L’Epam chiede a bar e ristoranti pure la disponibilità ad offrire servizi indispensabili, come l’accesso ai bagni a prescindere dalle consumazioni o la possibilità di scaldare gratuitamente latte per i bambini. Anche i negozi stanno pensando ad offerte per l’occasione. "A Milano arriverà una gran massa di persone, stiamo cercando di organizzare 'offerte al pellegrino' o di stabilire un prezzo stabile nei negozi e nei supermercati, perché si riesca a mangiare più o meno sempre con la stessa cifra", ha spiegato l’assessore al Turismo, Franco d’Alfonso.

Anna Cirillo, La Repubblica
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001