giovedì 28 giugno 2012

Benedetto XVI approva i decreti per dieci futuri Beati e il riconoscimento delle virtù eroiche per nove venerabili Servi di Dio, 4 donne e 5 uomini

Questa mattina, il Santo Padre Benedetto XVI ha ricevuto in udienza il card. Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi. Nel corso dell’udienza il Papa ha autorizzato la Congregazione a promulgare i decreti riguardanti un gruppo di prossimi candidati agli onori degli altari. Sono tanti i martiri le cui storie tornano alla memoria dalle brevi righe dei decreti. Memoria che in realtà conserva il sapore della cronaca, quando il ricordo fa affiorare il sorriso di don Pino, Giuseppe Puglisi. Più lontana di un sessantennio, ma certo non sfocata, specie per la Chiesa spagnola, è invece la memoria del nuovo gruppo di martiri della guerra civile del secolo scorso ai quali il Papa riconosce l’onore degli altari. Ai tanti sacerdoti, religiosi e laici già beatificati in questi anni, si aggiungono ora i nomi del vescovo ausiliare di Terragona, Emanuele Borrás Ferré, e Agapito Modesto, dell'Istituto dei Fratelli delle Scuole Cristiane, e dei loro 145 compagni. Di Ermenegildo dell'Assunzione e dei suoi cinque compagni dell'Ordine della Ss.ma Trinità. Della religiosa Vittoria di Gesù, dell’Istituto Calasanziano della Divina Pastora, tutti uccisi tra il ‘36 il’39. E ancora, del sacerdote diocesano 23.enne, Giovanni Huguet y Cardona, anch’egli ucciso in odio alla fede nel ‘36. E di prossima Beatificazione si parla nei Decreti anche per Devasahayam (Lazaro) Pillai, un laico nato nell’India dei primi del Settecento e morto martire nel 1752. Oltre a loro, l’elenco approvato da Benedetto XVI contiene il riconoscimento delle virtù eroiche per nove Venerabili Servi e Serve di Dio, quattro donne e cinque uomini. Si tratta del cardinale arcivescovo di Napoli dell’800, Sisto Riario Sforza, dell’arcivescovo statunitense Fulton Sheen, scomparso 32 anni fa, del vescovo spagnolo dell’Opus Dei, Álvaro Del Portillo y Diez de Sollano, morto a Roma nel 1994, del sacerdote diocesano olandese, Ludovico Tijssen, spentosi nel 1929, e del sacerdote spagnolo Cristoforo di Santa Caterina, vissuto nel Seicento e fondatore della Congregazione e dell'Ospedale di Gesù Nazareno di Córdoba. E ancora, della Serva di Dio canadese dell’Ottocento, Maria del Sacro Cuore Vedova, fondatrice delle Ancelle del Cuore Immacolato di Maria, conosciute come Suore del Buon Pastore di Québec. Della religiosa nordirlandese, Maria Angelina Teresa, fondatrice della Congregazione delle Suore Carmelitane per gli anziani e gli infermi, spentasi negli Stati Uniti nel 1984. Della monaca professa ungherese dell'Ordine della Visitazione, Maria Margherita, morta a soli 28 anni il 13 maggio 1933, e della suora professa italiana dell'Istituto delle Figlie della Carità morta a Mumbai, India, nel 1956 a 36 anni.

Radio Vaticana

PROMULGAZIONE DI DECRETI DELLA CONGREGAZIONE DELLE CAUSE DEI SANTI
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001