mercoledì 11 luglio 2012

Daniel Barenboim: sinfonia di Beethoven è il sentimento dell'uomo davanti a questo fenomeno inesplicabile che è la natura, espressione quasi religiosa

La sesta sinfonia di Beethoven, che il maestro Daniel Barenboim (nella foto con Benedetto XVI) oggi dirige in un concerto in onore del a Castel Gandolfo "non è una sinfonia descrittiva, anzi si sa che mentre scriveva la sinfonia pastorale Beethoven leggeva Kant e la sua filosofia sulla natura. E' questo che ha ispirato Beethoven, più che la natura come qualcosa di descrittivo. Non è una visualizzazione della natura - ha spiegato lo stesso maestro israelo-argentino ai microfoni di Radio Vaticana - ma è il sentimento della natura, è il sentimento dell'essere umano davanti a questo fenomeno inesplicabile che è la natura. In questo senso - e non lo dico perché suoniamo per il Papa - è veramente un'espressione quasi religiosa della natura e penso che sia questo il contenuto di quest'opera". Inoltre, "sia la quinta, che comincia in do minore e finisce in do maggiore, sia la nona che comincia in re minore e finisce in re maggiore, vogliono esprimere una cosa chiara: il passaggio dal caos all'ordine, il passaggio dell'incertezza a una certezza assoluta. E in questo senso la filosofia beethoveniana è molto positiva".

TMNews

Concerto in onore del Papa alla presenza di Napolitano. Intervista con il maestro Barenboim
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001