Benedetto XVI nomina arcivescovo di Indianapolis mons. Joseph William Tobin, dal 2010 segretario della Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica

L'arcivescovo statunitense Joseph Tobin (nella foto con Benedetto XVI), 60 anni, nominato nel 2010 segretario della Congregazione per gli Istituti di Vita consacrata e le Società di Vita apostolica, lascia Roma dopo solo due anni. Il Papa lo ha infatti nominato arcivescovo di Indianapolis negli Stati Uniti. Origini irlandesi, cordiale e stimato da interlocutori e sottoposti, Tobin fu chiamato nel 2010 al dicastero allora guidato dal controverso card. Franc Rodé. Il porporato sloveno andò in pensione l'anno successivo, sostituito dall'arcivescovo brasiliano Joao Braz de Aviz, nel frattempo creato cardinale da Benedetto XVI. Tra i dossier che si trovò ad affrontare, Tobin, ex superiore dei redentoristi, c'era l'indagine avviata dal suo dicastero vaticano sulle suore degli Stati Uniti. In un'intervista al National Catholic Reporter pubblicata poco dopo il suo arrivo a Roma Tobin spiegò di capire "la rabbia e il dolore" delle suore nei confronti di un'indagine che Rodé aveva motivato con il "femminismo" delle religiose Usa. Tobin, che è cresciuto a Detroit, aveva affermato che avrebbe lavorato per sanare eventuali spaccature tra le sorelle americane e la gerarchia cattolica a Roma e che sperava anche di rimuovere quel velo di segretezza che circondava l'indagine. Così in effetti è stato, mentre prosegue parallelamente una visitazione promossa dalla Congregazione per la Dottrina della fede, e da oggi Tobin torna negli Stati Uniti.

TMNews

RINUNCE E NOMINE

Commenti